1876: Bangor City F.C.

Difficile fare calcio vero nel Galles, se non ci si chiama Cardiff City o Wrexham o Swansea City, e anche in quei ca­si non è divertentissimo stare a galla in un mondo che ha fatto del­la Premiership il suo modello, fin­gendo di dimenticare che le radici del calcio sono, appunto, in basso, nella miriade di piccole società che tengono viva la passione.

Il Bangor City, il minuto Bangor City, è tra queste. Come tutti i club gallesi, anch’esso ha goduto di un’inusitata esposizione a carat­tere internazionale, finché è esisti­ta la Coppa delle Coppe e ad essa veniva ammessa la vincitrice della Coppa del Galles: e dato che po­che volte, nella storia recente, una squadra gallese ha militato nella massima divisione del campionato inglese, quasi sempre ciò voleva dire che alla ribalta europea si af­facciava una società piccola picco­la.

Lo ricordano bene a Bangor: nel 1962, proprio in Coppa delle Coppe, vennero sorteggiati al pri­mo turno contro il Napoli, e nel­l’occasione della partita casalinga stabilirono il proprio record di pre­senze allo stadio Farrar Road, con 12.000. Vinsero 2-0, ma per­sero poi 3-1 il ritorno e, non esi­stendo all’epoca la regola dei gol in trasferta, furono costretti a uno spareggio a Londra, perso per 2-1. Anche se in seguito, nella stessa manifestazione, è arrivato persino un passaggio del turno, contro i norvegesi del Fredrikstad, per il Bangor City quel triplo confronto con il Napoli rimane uno dei mo­menti più alti della storia, e non solo perché i gallesi si esibirono davanti a 80.000 spettatori al San Paolo, più di quanti non abbiano seguito una partita di tante squadre britanniche di valore ancora mag­giore, e misero in mostra il portierone Len Davis, ovvero Len the Cat (il gatto), più tardi divenuto il… custode e curatore del manto erboso del Farrar Road.

Il Ban­gor City venne fondato il 18 di­cembre 1876, dopo che alcuni maggiorenti locali si erano riuniti in una sala del tribunale. All’inizio il club schierava (sul campo di Maes Y Dref) una squadra di cal­cio e una di rugby, ma quest’ulti­ma venne sciolta pochi anni dopo, e quella di football rinforzata al punto da ottenere la vittoria nella Coppa del Galles del 1889. Il Bangor City da quel momento ha avuto la sorte di far parte, come società fondatrice, di alcune leghe: prima, nel 1892, della North Wa­les Coast League (vinta nel 1895), poi, nel 1898, della Combination, che si sciolse nel 1910 ma aveva costituito una buona base di col­laudo per squadre e giocatori, tan­to che il Bangor in quel periodo forniva in media otto undicesimi della Nazionale.

Dal 1911 allo scoppio della Prima Guerra Mon­diale il club partecipò alla North Wales Alliance League, che però non venne ricreata al termine del conflitto, così il club, spostato il campo di casa allo stadio Farrar Road, passò nel 1921 alla Welsh National League, facendo però parte in successione di varie leghe: la Birmingham and District, la Lancashire, la North Wales Com­bination, la Cheshire League. Nel 1968 fu tra i fondatori della Northern Premier League, una sorta di competizione di élite tra squadre dilettantistiche, e la vinse nel 1969, passando poi nel 1979 alla Alliance Premier League.
Le ultime scosse alla vita del Bangor City sono venute nel 1984 con l’approdo alla finale della FA Trophy, competizione per squadre dilettantistiche, che per la prima volta dal 1927 (finale di FA Cup) vide un club gallese giocare a Wembley (pareggio, con sconfitta 1-2 nella ripetizione a Stoke), e nel 1992, con la formazione della League of Wales, tentativo malriu­scito di avviare un vero campiona­to nazionale, sponsorizzato (all’i­nizio) da una multinazionale e che prevedeva addirittura sanzioni alle società gallesi che avessero decli­nato l’invito, ma alla fine non se n’è fatto niente.

bangor-oldclub-1895-96

Il Bangor 1895/96 vincitore della North Wa­les Coast League

Bangor City vincitore della Lancashire Combination Cup 1948/49

1962: il Bangor che sfidò il Napoli nel primo turno della Coppa delle Coppe