Coppa delle Coppe 1982/83: ABERDEEN

Il primo successo di Sir Alex Ferguson

Sir Alex Ferguson è spesso ricordato per le sue vittorie con il Manchester United. Ma non tutti sanno che il suo primo alloro europeo è arrivato alla guida dell’Aberdeen sul Real Madrid sotto la pioggia battente di Goteborg. Un Aberdeen scozzese al 100% con Gordon Strachan come unica stella di un undici granitico.

Dopo aver superato gli svizzeri del Sion 11-1 nel turno preliminare, l’Aberdeen elimina la Dinamo Tirana e il Lech Poznán senza subire un gol. Nei quarti di finale trova il Bayern Monaco ed è un’altra storia. Dopo lo 0-0 in Germania, al ritorno gli scozzesi riescono a vincere in casa 3-2 pur essendo sotto 1-2 fino al 77′. In semifinale battono agevolmente il Waterschei S.V. Thor Genk, qualificatosi a sorpresa ai danni del Paris Saint-Germain.

Il Real Madrid guidato da Alfredo Di Stefano arriva alla finale dopo aver superato l’Inter nei quarti e, in semifinale, l’Austria Vienna, qualificatosi ai danni degli eterni rivali del Barcellona. Nel doppio confronto il Real si impone 5-3 contro gli austriaci e accede alla finale.

Nella finale di Goteborg a sorpresa l’Aberdeen passa subito con Eric Black. Ma il Real si butta in avanti con cross a ripetizione dalle ali Juanito e Isidro Díaz per il centravanti Carlos Santillana. Juanito pareggia al 15′ su rigore e nonostante tutti i tentativi delle due squadre il punteggio non si sblocca più fino al 90′. Si va ai supplementari. Sotto la pioggia incessante il subentrato John Hewitt diventa l’eroe della serata segnando di testa in tuffo il gol decisivo a 8′ dalla fine.

aberdeen-real-madrid-hewitt-wp

La rete decisiva di Hewitt

L’Inter ritorna in Coppa delle Coppe dopo 4 anni e uno scudetto nel mezzo in più. Terminato il ciclo Bersellini, la squdra è affidata all’emergente Rino Marchesi che debutta in Europa battendo 2-0 lo Slovan Bratislava con reti di Altobelli e Sabato. In terra ceca Hansi Muller al 10′ realizza il penalty che mette al sicuro la qualificazione anche se alla fine Takác e Bobek rendono la vittoria dello Slovan ininfluente. Per il secondo turno ci sono gli ostici olandesi dell’AZ Alkmaar che si impongono nell’andata con una rete di Tiktak in apertura. A San Siro passa la rimonta interista con reti di Juary e del solito Altobelli.

Per i quarti l’Inter si regala l’ennesima grande sfida con il Real Madrid. Al 15′ Oriali su punizione castiga Agustin e il Real pare accusare il colpo ma Stielike e compagni riescono a superare l’empasse e a riorganizzarsi. Nella ripersa Bordon fa il mircolo su un colpo di testa di Santillana ma solo un minuto dopo un tiro da 30 metri di Gallego gli sfugge tra le mani lasciando impietrito San Siro. Al Bernabeu al Real basta lo 0-0 ma al 20′ Bini imbecca Altobelli in contropiede e dà fiato alle speranze nerazzurre. Speranze vanificate in cinque minuti ad inizio ripresa: al 51′ ancora una punizione di Salguero pareggia i conti ed al 56′ Juanito lancia l’assist per Santillana che fulmina Collovati e Bordon e realizza il 2-1 finale.

IL TABELLONE DELLA COPPA DELLE COPPE 1982/83

Turno preliminare
Sedicesimi di finale
Ottavi di finale
Quarti di finale
Semifinali
FINALE