2012: CORINTHIANS

LA STORIA

2012: il mondo è del Corinthians. La formazione brasiliana  batte a Yokohama i favoriti inglesi del Chelsea per 1-0 con la rete di Guerrero. Un successo importante per il calcio sudamericano, che non vinceva il titolo iridato dall’ormai lontano 2006, quando fu ancora una squadra brasiliana, in quel caso l’Internacional di Porto Alegre di un giovanissimo Alexandre Pato, a salire sul tetto del mondo, battendo il Barcellona di Ronaldinho. Il Corinthians aveva invece vinto nel 2000 un’edizione sperimentale del Mondiale per Club, che però non ebbe seguito fino al 2005, quando la Fifa riuscì ad imporlo definitivamente al posto della storica Coppa Intercontinentale. Per il Chelsea invece ennesima tappa di una stagione fallimentare che l’aveva vista ad agosto perdere la Supercoppa Europea per mano dell’Atletico Madrid e in autunno uscire clamorosamente nella fase a gironi della Champions League.

Nella finale di Yokohama, il primo tempo vede la paura farla da padrona: squadre contratte e gara in equilibrio con fiammate improvvise. Il Chelsea spinge di più e prova a costruire, il Corinthians si schiera tutto dietro la linea della palla affidandosi alle ripartenze micidiali di Guerrero, Emerson e Paulinho. I Blues dietro ballano un po’ in più di una occasione, ma hanno in Lampard un formidabile distributore di palloni preziosi, che Torres e Moses non sfruttano. Per il Corinthians un palo, colpito da Emerson al 36′ defilato a sinistra dopo il tiro sballato di Guerrero, fantastico nel dribblare la difesa del Chelsea ma meno nel calciare in porta.

corinthians-chelsea1-2012-wp

La rete della vittoria di Guerrero

Nella ripresa Tite chiede ai suoi di avanzare il baricentro di gioco e il match diventa battaglia a centrocampo col Corinthians che fa un pressing micidiale in mezzo impedendo al Chelsea di ragionare. La partita sale così di tono e i Blues vanno vicini al gol al 6′ con Cole che sfonda a sinistra e mette in mezzo: Ralf ribatte su Mata e poi Chicao su Lampard. Il tempo di ripartire e Mata pesca Hazard con una verticalizzazione fantastica: Cassio esce e con l’aiuto di Alessandro mette in angolo. Ma in campo c’è sicuramente un altro Corinthians, e arriva il gol: al 24′ discesa di Paulinho, palla a Danilo che calcia, deviazione di Cahill con la palla che si impenna. Guerrero da un metro dalla porta di testa insacca con tre giocatori del Chelsea schierati vanamente sulla linea. Manca ancora tanto alla fine, eppure il Chelsea si spegne. Un gioco da ragazzi per il Corinthians gestire il possesso palla, grazie ai grandi piedi dei suoi giocatori. La fiammata arriva solo nei tre minuti finali: prima Cassio è grande su Torres che calcia a botta sicura, poi assedio Chelsea finito col rosso a Cahill (duro su Emerson) e Cassio ancora grande su Mata. Ma è solo confusione frutto della disperazione. Timao campione del mondo: giusto così.

corinthians-chelsea2-2012-wp

Play-off per i quarti di finale
Quarti di finale
Incontro per il quinto posto
Semifinali
Incontro per il terzo posto
FINALE