L’Huddersfield di Chapman

Huddersfield, è un antico borgo medioevale non molto lontano da Leeds, dove la tradizione è bellezza da conservare, e i suoi abitanti lo sanno. E l’Huddersfield Town, la locale squadra di calcio cittadina fa parte di questi valori. Nel 2008 ha festeggiato il suo centenario. Fu fondata ufficialmente il 15 agosto del 1908, e un certo Frederick Walker detto Fred, ne è stato il primo player-manager. Lui naturalmente c’era quando un mese dopo la nascita, il club fece il suo esordio in un amichevole giocata contro il Bradford Park Avenue e vinta per 2-1 davanti alle oltre mille persone stimate. A onore del vero, l’inaugurazione definitiva fu quella del 2 settembre 1911, dopo l’iscrizione alla Football Association, con la presenza del presidente della federazione John McKenna. Un irlandese ex giocatore di rugby, con i baffi a manubrio e lo sguardo accigliato. Non andò tutto per il verso giusto. L’impianto revisionato l’anno precedente dall’onnipresente Archibald Leitch, mostrava diverse carenze e problematiche, tanto che ci fu anche un tentativo di citare in giudizio il celebre architetto, ma gli amministratori del club trovandosi già alle prese con un debito piuttosto cospicuo desistettero dall’idea. E non solo da quella.

Dopo appena quattro anni l’Huddersfield era in liquidazione. Venne riformato sette anni dopo, nel 1919, ma le sventure non erano finite, tanto che rischiò addirittura di scomparire. Volevano portarlo a Leeds. O meglio, volevano portare a Leeds il titolo sportivo. Il progetto, poi fortunatamente andato a vuoto, fu portato avanti da Hilton Crowther, ricco proprietario di un lanificio nonché dell’ Huddersfield Town stesso, deluso, sembra, dalla scarsa partecipazione del pubblico dei Terriers. E qui occorre ovviamente una digressione obbligatoria. Il soprannome sicuramente molto azzeccato è stato introdotto però solo nella stagione 1969/70 da un’idea di Bill Brooke, identificando il terrier, (una razza canina molto diffusa in quella zona)con le capacità e la tenacia di una squadra giovane come era quella dell’Huddersfield in quella stagione. Si consideri che il primo Yorkshire Terrier è stato registrato nel 1880 ed è stato nominato “Huddersfield Ben”. Nella seconda metà dell’ottocento gli operai portavano i loro piccoli terrier a pelo lungo a lavoro con loro affinché cacciassero i topi che arrecavano molti danni alle sacche di lana. Nello stesso periodo, i minatori dello Yorkshire, si comportavano allo stesso modo utilizzando questi cani per scacciare i fastidiosi roditori all’interno delle miniere di carbone. Grazie alle loro piccole dimensioni e alla loro agilità potevano facilmente entrare nelle gallerie più strette e cercare nelle evenienze, e in caso di pericolo, minatori in difficoltà.

Oggi chiaramente non si richiede più a questo particolare cagnolino di cacciare i topi, ma sicuramente l’attitudine a quest’attività, non è andata perduta. E l’Huddersfield Ben è considerato il progenitore di questa razza. Tornando a temi più strettamente calcistici, il soprannome più duraturo del club è stato però, quello usato più di frequente fino al giorno d’oggi è cioè “The Town”. Adesso sarebbe il momento di provare a cantare, perché nella storia dell’Huddersfield dei primi anni venti, sta entrando una canzone, popolare e molto in voga nel periodo: “Smile a While”. Sarà adottata dai tifosi e diventerà la colonna sonora dei grandi successi di questa squadra, con un direttore d’orchestra d’eccezione: Herbert Chapman.

Chapman nacque il 19 gennaio 1878 a Kiveton Park, un piccolo villaggio minerario al confine fra il South Yorkshire e il Nottinghamshire. Non fu certo memorabile come giocatore, una mezzala tozza e robusta ma niente di più. Fra il 1897 e il 1907 militò in dieci formazioni diverse (Stalybridge Rovers, Rochdale, Grimsby, Swindon, Sheppey United, Worksop, Northampton, Sheffield United, Notts County e Tottenham) sempre con uno status di tipo dilettantistico, sfruttando però la sua laurea in ingegneria mineraria per lavorare nelle varie città in cui in quel momento si trovava a giocare.

Nel frattempo stava cominciando a studiare i vari metodi di gioco dei suoi allenatori. Nel 1907 fece ritornò a Northampton nelle vesti di allenatore-giocatore, e due anni dopo decise di appendere le scarpe al chiodo e cominciò a mostrare notevoli qualità manageriali guidando i suoi uomini alla conquista del campionato di terza divisione. Dopo altre tre buone annate a Northampton, fa ritorno a casa, nello Yorkshire, accettando di diventare l’allenatore del Leeds City. Nel 1913-14 portò la formazione al miglior risultato della sua storia, vale a dire il quarto posto in seconda divisione.

Il 4 ottobre del 1919 il Leeds City venne espulso dalla Football League per pagamenti illegali ai giocatori durante il periodo bellico: dirigenti e allenatori vennero radiati e i giocatori addirittura venduti all’asta, (tenutasi in un hotel di Leeds) a prezzi stracciati. Nel 1921 Chapman, riuscì a dimostrare la sua estraneità allo scandalo e fu riabilitato. Le ceneri del Leeds City non vennero comunque gettate nei crinali spazzati dal vento della contea, la città dello Yorkshire risorse sportivamente con il nome diventato poi leggenda di Leeds United. E allora ecco Huddersfield, dove al termine della prima stagione alzò subito il primo trofeo della sua carriera, la F.A. Cup 1922.

huddersfield-1922-wp

Una rara immagine della finale della FA Cup del 1922 tra l’Huddersfield e il Preston

Quella fu l’ultima finale che si giocò in uno stadio diverso da Wembley, che aprì i battenti l’anno successivo. Due anni prima i terriers erano stati battuti dall’Aston Villa, in una partita dove sulla maglia apparve un primo “crest” con la” coat of arms” cittadina. L’incontro del 1922 si giocò a Stamford Bridge contro i rivali del Preston North End e fu deciso da un goal di Billy Smith su calcio di rigore nel secondo tempo. Smith entra nella storia del club anche per altri tre motivi. Intanto fu uno dei cinque giocatori dell’Huddersfield Town facenti parte della nazionale scozzese che demolirono l’Inghilterra a domicilio per 5-1. Passarono agli annali come i “Wembley Wizards”. Con lui c’erano Bob Kelly, Roy Goodall, Tom Wilson e Alex Jackson. Nel novembre del 1924, quando le regole della federazione cambiarono, e fu possibile convalidare il goal segnato direttamente da calcio d’angolo, fu il primo a metterlo a segno, in un incontro vittorioso con l’Arsenal terminato 4-0. Non solo, c’è anche una linea di sangue che seguirà il destino di Billy Smith.

Suo nipote Robert giocò anch’egli per i terriers, ed era presente il 30 aprile 1994 quando l’Huddersfield giocò la sua ultima partita a Leeds Road, davanti a 16195 spettatori, che vide il successo dei padroni di casa sul Blackpool per due reti a uno. Nel 1924 due anni dopo la conquista della coppa, l’Huddersfield si laurea per la prima volta campione d’Inghilterra al termine di una corsa incertissima e combattutissima con il Cardiff City. Il campionato prese il via il 25 agosto 1923 in casa contro il Middlesbrough, e gli uomini di Chapman vinsero 1-0 grazie al centro di Charlie Wilson. Charlie Wilson, Charles all’anagrafe di Atherstone, era arrivato a Huddersfield dopo qualche buona stagione al Tottenham. Non molto alto, serioso e dal capello tirato indietro con la brillantina come si addiceva alla moda del tempo, a fine torneo realizzò 20 reti e contribuì in maniera significativa alla vittoria. Il secondo incontro previsto solo due giorni dopo a Preston fu subito un chiaro segnale che il potere motivazionale, e i metodi innovativi di Chapman erano ormai validi e ben assodati nella mente dei suoi giocatori. Finirà 3-1, con un’altra rete di Wilson, una del già citato Smith e un’altra realizzata da Clem Stephenson, uno che a Birmingham con la maglia dei villans aveva segnato in maniera piuttosto continua.

Non si smentirà nemmeno a Leeds Road, nonostante la media realizzativa scenda sensibilmente. Altri nomi da menzionare sono quelli di Ted Taylor, George Brown e George Cook. Anche perché, alla fine, risulteranno gli unici marcatori della squadra in quella stagione. Unica eccezione Taylor che ricoprendo il ruolo di portiere era “teoricamente dispensato”, dal dover segnare. Ted Taylor è uno scouser dal grugno cattivo e dal collo taurino, coperto dall’immancabile maglione verde. Il secondo invece è un attaccante alto e corpulento, che con l’Huddersfield scriverà il suo nome fra i bomber più prolifici di sempre di questo club. Quando se andrà nel 1929 i centri messi a referto saranno 142. Decisiva la sua doppietta del primo marzo 1924 in casa contro il Cardiff City davanti ai 18000 presenti. Segnerà anche nella giornata della festa, il 3 maggio, nel 3-0 al Nottingham Forest, quando a parità di differenza reti, una vittoria in più sul Cardiff, premiò i terriers finiti appaiati in classifica ai bluebirds a quota 57 punti. Infine Cook, uno che resterà quattro anni con la bella maglia a strisce biancoblu, e che nonostante lo sguardo assente e una certa apparente apatia, se andrà all’Aston Villa nel 1927 lasciando il dolce ricordo dei due centri datati 10 novembre 1923 nella sfida interna contro il Liverpool, unica partita dove nel tabellino dell’Huddersfield appare un giocatore diverso da quelli menzionati perché la terza rete del “Town” fu frutto di un autorete di un certo Wadsworth.

huddersfield-1925-26-wp

Huddersfield 1925/26. In piedi da sx: Harry Cawthorne, Tommy Wilson, Roy Goodall, Ted Taylor, Willie Watson, Billy Smith. In basso da sx: Alex Jackson, George Brown, Willie Devlin, Clem Stephenson, Sam Wadsworth

La ferrea disciplina di Herbert Chapman aveva creato dal nulla uno squadrone imbattibile capace di vincere anche i due tornei seguenti, senza per altro inserire altri nuovi elementi. Arrivò solamente Joey Williams, un peperino dal capello riccio nativo di Rotherham con la cui squadra locale giocò fino al 1924. I tre campionati vinti consecutivamente lanciarono l’Huddersfield nella storia del calcio inglese, mentre Chapman , che se andò all’Arsenal, conquistò nel nord di Londra la fama mondiale. Per lui il 6 agosto 2008 al Galpharm stadium ( prima ancora McAlpine, oggi John Smith..) si giocò un incontro alla sua memoria ovviamente con l’Arsenal finito 2-1 per i londinesi, davanti a 19000 persone, la partita pre-stagionale con una delle affluenze maggiori di sempre, seconda solo al match contro gli argentini dell’Independiente giocato nel 1954. Ma allora eravamo a Leeds Road. Smile a while..

Fonte: rulebritanniauk.forumfree.it