Mondiali 1962: BRASILE

Introduzione

I padroni di casa portarono sul piano della rissa ogni loro partita; gli italiani, guidati dagli oriundi Maschio, Sivori e Altafini, furono scandalosamente eliminati Altri episodi misero gli arbitri sotto accusa. Intanto, il Brasile, senza Pelè, lanciava Amarildo (in veste di vice «O Rey») e faceva il bis

Sulla carta, la Coppa del Mondo cilena, esibiva tutti i nomi della aristocrazia calcistica internazionale. Il Brasile vantava i confermatìssìmi campioni del ’58 con Pelé in testa, la Spagna faceva sognare gli amanti dello spettacolo con Puskas, Di Stefano, Suarez, Gento, l’Italia schierava Sivori, Maschio, Altafini e Rivera, la Jugoslavia Sekularac e Skoblar, l’Ungheria Tichy, Gorocs ed il grandissimo Albert, l’URSS Jaschin e Voronin, la Cecoslovacchia Masopust e Kvasnak, l’Inghilterra Moore, Greaves e Charlton, eccetto Kopa della Francia eliminata dalla Bulgaria, tutti i talenti erano presenti e facevano presagire sontuosi spettacoli secondo gli schemi del 4-2-4, che si era definitivamente imposto in tutte le parti del mondo, come organizzazione di gioco.

Al tirare delle somme, le risultanze furono ben diverse e lo stesso Brasile che alla fine confermò il titolo conquistato nel ’58, non fu esente da critiche. Si affacciò funesta e minacciosa la violenza livellatrice e a parte Italia-Cile che raggiunse gli abissi dell’indegnità sportiva con risse scandalose che l’arbitro Aston si illuse di placare espellendo due azzurri, trovarono cittadinanza comportamenti intimidatori, 15 giocatori subirono incidenti piuttosto gravi, il russo Dubinski subì la frattura di tibia e perone, lo svizzero Eschmann ebbe una gamba fratturata da Szymaniak, il grande Jascin nel corso di Cile-URSS, fu colpito proditoriamente da Landa con un calcio alla testa, che ne limitò l’efficienza per tutto il resto dell’incontro.

L’artefice del mondiale al Cile era stato Carlos Dittborn che riuscì ad ottenere la designazione grazie all’aiuto delle Federazioni sudamericane e per i giochi politici elettorali che oramai imperavano nell’ambito della FIFA. Un paese dalle risorse minerarie invidiabili, accolse il «grande barnum» della Coppa del Mondo nel pieno di una battaglia politica senza esclusione di colpi. Alle posizioni conservatrici dei detentori del potere di cui Jorge Alessandri era l’emanazione diretta, s’opponevano i programmi riformatori del democristiano Eduardo Frei, mentre la sinistra proletaria cominciava la lunga strada del programma che porterà il radicale Allende alla Presidenza nel ’70. I contrasti sociali evidenti, delle belle avenide di Santiago con i paesini sperduti dei contrafforti andini, le sacche di indigenza della periferia della capitale, ispirarono più di un visitatore alla crudezza di resoconti, che toccarono le corde del sentimento nazionalista dei cileni. E furono proprio gli italiani a scivolare sulla buccia di banana provocando il risentimento di cui vedremo più avanti.

56 federazioni avevano aderito alla manifestazione, le quattro sedi accolsero le rappresentative nazionali che avevano superato i turni di qualificazione. A Santiago Cile, Italia, Germania Occ. e Svizzera; a Rancagua Argentina, Bulgaria, Ungheria e Inghilterra, a Vina del Mar Brasile, Messico, Spagna e Cecoslovacchia e nella decentratissima Arica, ai confini con il Perù, 2000 km da Santiago, che era stata scelta nella speranza di potervi accogliere i tifosi peruviani, Uruguay, URSS, Jugoslavia, Colombia.

Il 30 giugno il presidente della Repubblica Jorge Alessandri Rodriguez dichiarò aperti i giochi e con Cile-Svizzera andò a cominciare l’avventura della VII Coppa del Mondo. I «rossi» cileni, condotti da Fernando Riera, avevano sostenuto una intensissima preparazione ma al fischio d’inizio sembravano paralizzati dall’emozione e gli svizzeri approfittando dell’occasione passarono in vantaggio al 7′ e fallirono per un soffio il raddoppio. Poi la spinta del pubblico stimolò la reazione, i cileni riuscirono a rimontare la corrente avversa e ad imporsi alla distanza per 3-1. I valori tecnici del calcio cileno erano modesti, mai la rappresentativa andina era riuscita ad imporsi nel «Sudamericano», la stessa URSS, un anno avanti la Coppa del Mondo, l’aveva battuta facilmente a Santiago, ma il lungo e paziente lavoro di Fernando Riera era riuscito a fondere attorno a Toro, Fouilloux e Leonel Sanchez un gruppo di elementi pronti a tutto e ben decisi a vendere cara la pelle.

La rappresentativa cilena guidata da Fernando Riera