Pescara 1976/77: Un Posto al Sole

Fu come dire: ci siamo anche noi. L’Abruzzo intero emerse dalle acque limacciose del calcio minore e conquistò un posto in serie A, dopo due spareggi mitici. Una squadra, una regione. Il Pescara, l’Abruzzo.


SPAREGGIO A TRE PER LA SERIE A

La promozione del Pescara nella massima serie, che allora era a 16 squadre con sole tre promozioni dalla B, fu un evento talmente sorprendente da scatenare anche commenti retorici sul tipo “è nata una stella”. Il Cagliari, certo di avere un diritto acquisito alla promozione in quanto figlio legittimo di “GiggiRiva”, ci mise due anni a riprendersi dal flop degli spareggi. La formula venne criticata a lungo sull’Isola. Non a Pescara e Bergamo…

Si verificò che, al termine dell’estenuante campionato si serie B 1976/77, il Lanerossi Vicenza di Paolo Rossi arrivò primo, giusto un filino davanti a Pescara, Atalanta e Cagliari. Regolamento alla mano, il Vicenza fu subito promosso, mentre le tre seconde classificate si trovarono costrette a spareggiare perché c’erano solo due posti a disposizione. Pescara e Cagliari, a Terni, inaugurarono la serie: 0-0. Poi, l’Atalanta sconfisse 2-1 gli isolani.

Nel terzo confronto, a Bologna, il Pescara e l’Atalanta quasi mimarono la partita, condizionati dall’opportunità di essere promossi senza colpo ferire. Vennero registrati solo qualche acuto dei biancazzurri e l’espulsione dell’atalantino Tavola. Finì in pareggio (0-0), come da pronostico, e le due squadre raggiunsero il Vicenza.

A Bergamo, dove la serie A era tutt’altro che una novità, fecero una bella festa; a Pescara e in Abruzzo, da sempre periferia, si scatenò il finimondo. I pescaresi, come gli altri abruzzesi, si innamorarono piano piano di una squadra messa su senza squilli di tromba, partita in surplace, ma capace di perentorie accelerazioni.

IL MAGO DELL’ADRIATICO

Calcio d’autore, quello di Giancarlo Cadè, un maestro il cui talento venne solo in parte ripagato dagli allori professionali. Ne avrebbe meritati di più. Ma quel calcio, più di quello odierno, era un circolo quasi esclusivo, con troppi posti riservati a tempo indeterminato. Helenio Herrera, il Mago dell’Inter, in un’intervista, disse: «Anni fa mi è capitato di essere sconfitto da un tale Cadè, sapete dirmi chi allena ora?».

L’uomo di Bergamo era a Pescara, in Abruzzo, a lavorare sodo e senza roboanti dichiarazioni. Insegnò il raggiungimento dei risultati attraverso il bel gioco. Lo stadio Adriatico aveva un solo anello ai distinti, dove si accomodavano anche i giornalisti, e alle curve. L’ampliamento venne realizzato dopo la promozione. A fine campionato, il cassiere quasi non riuscì a credere ai suoi occhi: incassi per un miliardo di lire.

Giancarlo Cadè, l'ellenatore della prima promozione in A del Pescara

Giancarlo Cadè, l’allenatore della prima promozione in A del Pescara

TUTTI CON CALDARA

E pensare che ci vollero 274 minuti di campionato per vedere il primo gol biancazzurro. Lo firmò capitan Zucchini, al 4’ del primo tempo, contro l’Ascoli. Dopo il pareggio di Zandoli, ci fu un calcio di rigore e Nobili lo realizzò. Non si parla di una partita qualsiasi nè di uomini tra i tanti. L’affermazione sull’Ascoli fu la prima di una serie infinita e la coppia Vincenzo Zucchini-Bruno Nobili, di lì a poco, entrò nella mitologia della tifoseria biancazzurra. Mitico era e rimane anche il presidente Armando Caldora, self made man del campo delle costruzioni, famoso perché gli bastava una stretta di mano per sancire affari milionari.

Guai, però, a pensare a un Pescara di magnifici solisti. Magnifica era l’orchestra. E a dirigerla c’era Vincenzo Marinelli. Fu la promozione di tutti. Anche dell’entusiasta dottor Mario Tocco e del massaggiatore Italo Rapino. Oggi è giusto ricordare chi, tra i protagonisti di quelle giornate leggendarie, con c’è più: il già citato Caldora, il vice presidente Taraborrelli, il talentuoso Masoni, l’estroverso Santucci, il promettente portiere Giacomi, avvelenato dalle esalazioni di una stufetta a gas mentre dormiva. Pescara si fermò per i suoi funerali.

UN TORNEO DIFFICILE

Piloni, Motta, Mosti… La poesia fu imparata a memoria da tutti i calciofili abruzzesi. I cavalieri di Cadè fecero un’impresa impensabile. Le difficoltà iniziali, dato gli altisonanti nomi degli avversari, sono da capire: Braida, ora manager del Milan, furoreggiava nel Monza; Rossi e Altobelli, di lì a poco star del Mondiale di Spagna, guidavano Vicenza e Brescia; e a Cagliari c’era un certo Pietro Paolo Virdis, destinato a fare benino nella Juve e benissimo nel Milan.

Una promozione fiabesca non può prescindere da partite straordinarie. Tra le tante, due fecero storia: le vittorie a Vicenza e Ferrara. Il confronto del Romeo Menti venne deciso da Giorgio Repetto, centopolmoni del centrocampo che in biancazzurro vinse un altro campionato di B e uno di C1. L’assist glielo servì Marco Masoni. A Ferrara, invece, i biancazzurri passarono dautorità: 1, 2, 3, 4 gol, prima di un comprensibile calo di tensione che permise ai locali di segnare due volte. Era lultima di campionato e la vittoria non poteva essere fallita.

Il Presidente Caldara nello spareggio contro il Cagliari disputato a Terni

VOLERE VOLARE

Spettacolo e gol. Ma senza un vero bomber. Prunecchi e La Rosa non erano certo concorrenti accreditati dei big della categoria. E il giovane Di Michele, pescarese cresciuto nel Giulianova, aveva la scorza ancora acerba. Le geometrie di Cadè portarono al tiro anche chi fino a quella stagione non aveva mai preso in considerazione la possibilità di segnare. Giuliano Andreuzza, stopper vecchia scuola, fece centro contro Samb e Rimini.

Il Pescara che conquistò la prima promozione in serie A potè contare su un centrocampo di assoluto spessore: Zucchini forza e carisma, Nobili eleganza e genio, Orazi classe e imprevedibilità, Repetto corsa e disciplina. Sopra le righe andarono in molti. Innanzitutto, il poderoso portiere Piloni, ansioso di dimostrare che la Juventus aveva sbagliato a non dargli fiducia.

E poi Galbiati, compassato centrocampista trasformato in un moderno libero. Lasciò Pescara due anni dopo, per raccogliere soddisfazioni nella Fiorentina e nel Torino. La gara di regolarità, invece, la vinse Eraldo Mancin, un reduce del Cagliari scudettato nel 1970: su con gli anni, ma saggio e virtuoso, mise le pezze quando fu necessario. Gregario, certo. Ma gregario di lusso. Dopo lo spareggio di Bologna, venne varato un concorso per premiare il palazzo con l’addobbo più bello. Pescara, civettuola come non mai, si vestì di bianco e di azzurro.

pescara76-wp1

I RICORDI DEL MISTER

Amava la musica classica così tanto da ascoltarla a volume alto nella sua villa di Francavilla. Giancarlo Cadè ebbe mille modi di farsi apprezzare dal popolo pescarese. Non solo per le imprese sportive ma anche, e soprattutto, per un carattere semplice che gli permetteva di legare da buon padre di famiglia con tutti i calciatori. «Non eravamo partiti benissimo in quel campionato. Dopo la sconfitta di Avellino per 3-0 alla quinta giornata, facemmo quadrato negli spogliatoi per pensare esclusivamente alla salvezza. Invece, proprio da quella partita iniziò una grande rimonta che ci portò a chiudere il nostro torneo a quota 49 punti subito dietro al Vicenza e in compagnia di altre due squadre e cioè l’Atalanta e il Cagliari».

«Tra gli epidosi che ricordo con maggior piacere ci sono le lacrime di Prunecchi, il quale segnò una rete al Lecce dopo due anni di astinenza e da quel gol seppe trovare nuovi stimoli per offrire in seguito un grande contributo alla causa della nostra squadra. Come dimenticare, poi, la rimonta di Novara? Eravamo sotto, prima 2-0 e dopo 3-1, ma riuscimmo a pareggiare ugualmente grazie a una doppietta messa a segno da Orazi. Vincemmo poi anche a Taranto e a Lecce, che avevano il campo inviolato da moltissimo tempo, ed espugnammo il terreno della capolista Vicenza grazie a una marcatura di Repetto».

«Nella partita con il Cagliari non avemmo un arbitraggio favorevole e lo 0-0 finale ci stava abbastanza stretto. Con l’Atalanta, invece, ci bastava il pari e fu una partita abbastanza tranquilla che ci permise di andare entrambe in serie A. All’epoca dicevo sempre di non vendere la roba prima di averla acquistata. Era un modo efficace per mantenere alta la concentrazione dei miei ragazzi».

Al Dall’Ara di Bologna, nella gara decisiva diretta da Gonella (in seguito arbitro della finale mondiale del 1978), il Pescara venne seguito da oltre 30.000 spettatori per un esodo tra i più imponenti visti in tutta Italia. «Ancora oggi ricordo con affetto quei momenti. Ho vinto 6 campionati: Mantova, Verona, Ancona, Bologna e Reggiana, ma la promozione del Pescara ha certamente un sapore diverso rispetto a tutte le altre».

pescara76-wp2