Real Sociedad ’81: la Liga conquistata allo scadere

Le straordinarie emozioni del campionato spagnolo 80/81, con il primo titolo dei baschi ottenuto a dodici secondi dal termine a spese del Real Madrid di Boskov.


Prologo

La gloria si materializzò con un gol a dodici secondi, decisivo nella conquista della prima Liga spagnola da parte della Real Sociedad, ed ebbe le sembianze di Josè Maria Zamora, centrocampista di 25 anni. Era il 26 aprile 1981. La rete del 2-2, a pochissimi istanti dalla fine, allo stadio “El Molinon” di Gijon, fu sufficiente per scavalcare il Real Madrid grazie alla migliore differenza reti negli scontri diretti.

Per i tifosi baschi, la stagione 1980-81 si concludeva trionfalmente. Le porte della storia si spalancarono all’ultimo assalto di Zamora, il giocatore dai baffi inconfondibili e dallo sguardo quasi austero che entrò nella storia del club basco. Ancora oggi a San Sebastian, l’attimo fuggente, il suo tiro decisivo, è un’icona esposta in tanti locali pubblici.

Pioggia torrenziale a Gijon

Quel giorno di fine aprile, sulle Asturie pioveva a dirotto. Dagli spalti dello stadio si vedeva un’unica distesa di ombrelli. La squadra di casa non aveva più esigenze di classifica, posizionata a ridosso della zona Uefa. Il tecnico Vicente Miera schierò la formazione migliore, determinato a rendere difficile l’ultimo tratto dei baschi prima del trionfo.

Il Real Madrid, perso lo scontro diretto a San Sebastian (3-1), indovinò tutte le mosse successive, conquistando sette vittorie consecutive, l’ultima delle quali a spese del Valladolid con doppietta di Santillana e rete del tedesco Stielike. L’ultimo tassello per centrare la rimonta doveva giungere da Gijon dove lo Sporting stava conducendo 2-1 sulla Real Sociedad che vedeva ormai vicinissimo l’abisso di una seconda cocente delusione, un anno dopo la precedente.

Ma ecco l’ultimo assalto: cross, il portiere rinvia corto in uscita, Gorriz ciabatta in area senza pretese. Zamora addomestica il pallone, alza lo sguardo ed esplode un destro in diagonale che lestremo difensore asturiano può solo sfiorare. Pareggio! Era il punto necessario per ricacciare indietro le odiate Merengues e conquistare il primo storico titolo spagnolo.

Zamora seppellito dai suoi compagni dopo la rete del pareggio

I tifosi baschi andarono in visibilio, il terreno del Molinon venne pacificamente invaso dai aficionados realisti mentre Zamora esultava a più non posso, sommerso dai compagni di squadra. A Valladolid, intanto, era calato un silenzio cimiteriale. Dopo un lustro, il Real Madrid perdeva lo scettro iberico.

Quel tiro di Zamora ebbe la forza di attutire i dolori della dittatura Franchista, il cui ricordo era ancora troppo vicino. L’orgoglio basco, del resto, aveva registrato nel 1976 un episodio simbolico ma molto significativo: Kortabarrìa e Iribar, capitani di Real Sociedad e Athletic Bilbao, erano entrati sul terreno di gioco dell’Atocha di San Sebastian posando a centrocampo la bandiera basca, denominata Ikurriña, simbolo dell’identità di un popolo.

Un’immagine storica: Kortabarrìa e Iribar, capitani di Real Sociedad e Athletic Bilbao, posano a centrocampo l’Ikurriña, la bandiera basca

I protagonisti del primo titolo

La delusione del 1980, quando il Real Madrid beffò i biancoblu sul filo di lana, divenne un ricordo meno atroce. Cresciuto nelle giovanili della Sociedad, centrocampista di movimento, Zamora approdò in prima squadra nel ’74. Quattro anni dopo esordiva in nazionale, in un’amichevole contro l’Italia. Venne impiegato sia all’Europeo ’80 sia ai Mondiali ’82, dove segnò un gol contro la Germania Ovest. La sua carriera la trascorse interamente con la maglia della squadra che lo aveva lanciato agli alti livelli del calcio iberico. Nella stagione del primo titolo nazionale della Real Sociedad, disputò tutte le partite in calendario, partendo sempre da titolare e segnando sette gol. Un bottino niente male per un centrocampista.

Il trionfo basco 80/81 reca anche il marchio indelebile del portiere Luis Arconada, titolare inamovibile della Real Sociedad dal 1976. Soprannominato El Pulpo, l’estremo difensore, 26 anni, fu un autentico baluardo, capace di calare un muro quando era in giornata di grazia, cosa che gli capitava spesso. Arconada è considerato ancora oggi il miglior portiere spagnolo di tutti i tempi dopo l’immenso Ricardo Zamora. Nella sua carriera c’è solo una macchia, gravissima: la topica nella finale dell’Europeo ’84 su un tiro senza pretese di Platini che portò in vantaggio i transalpini.

Periko Alonso fu l’uomo d’ordine di centrocampo (il figlio Xabi ne ha raccolto degnamente l’eredità). Al centro dell’attacco stazionava Jesus Maria Satrùstegui, altro prodotto del vivaio basco, colonna portante della squadra campione di Spagna ’81. Un centravanti d’area di rigore, fisicamente possente, capace di segnare sedici reti stagionali. Notevole fu anche il contributo di Roberto Lopez Ufarte, soprannominato Diablito, altro punto di forza nonostante la giovane età (22 anni).

sociedad-wp1

Santiago Idigoras, detto “il vichingo”, molto meno appariscente di Satrùstegui, si meritò la fiducia di mister Ormaetxea che lo inserì stabilmente tra i titolari. Oggi viene considerato parte del gruppo storico di quella Real Sociedad, insieme con Arconada, Zamora, Satrústegui, López Ufarte e Periko Alonso.

La linea difensiva era composta da Julio Olaizola, Genaro Celayeta, Ignacio Kortabarria (autore di 5 gol su rigore in campionato) e Alberto Gorriz, autore del tiro della disperazione che si trasformò in assist per il gol di Zamora. All’ala destra fu impiegato Josè Diego Alvarez, tra i rincalzi si mise in evidenza il giovanissimo Josè Maria Bakero, appena diciassettenne, capace di totalizzare ventisette presenze. Un giocatore talentuoso e dal guizzo imprevedibile, che approdò, alcuni anni dopo, al Barcellona di Cruijff.

L’allenatore della squadra di San Sebastian, dominatrice della scena iberica nei primi anni ’80, fu Alberto Ormaetxea Ibarlucea. Profondo conoscitore dell’ambiente, essendone stato parte integrante, da calciatore, sin dal 1962, divenne tecnico della prima squadra nel 1979. Ormaetxea sta alla Real Sociedad come Nereo Rocco sta al Milan. Dal 2006, l’anno dopo la sua morte, si disputa un triangolare in sua memoria che vede partecipare Real Sociedad, Athletic Bilbao ed Eibar, la compagine della città dove Ormaetxea nacque nell’aprile del 1939.

sociedad-wp2

Nella Spagna del 1980, in cui l’organizzazione terroristica Euskadi Ta Askatasuna, meglio conosciuta come ETA, seminava morte e paura, toccando proprio allora il picco negativo di novantuno vittime, la Real Sociedad sanciva il riscatto del popolo basco attraverso il calcio.

Quel gol di Zamora fu il primo boccone amaro che il Real Madrid, vincitore dei precedenti cinque campionati spagnoli, dovette ingoiare nel 1981. Un mese dopo, infatti, nella finale di Coppa dei Campioni al Parco dei Principi di Parigi, un gol di Kennedy diede la vittoria al Liverpool ai danni della squadra allenata da Vujadin Boskov, rimasta all’asciutto di titoli dopo essere stata eliminata anche dalla Coppa del Re per mano dello Sporting Gijon.

Breve cronaca di un match memorabile

“Inolvidables”, indimenticabile! Ancora oggi, a distanza di tanti anni, risuona la radiocronaca di Sporting Gijon-Real Sociedad del mitico cronista Joxean Alkorta, voce della Real Sociedad. Al 7’, i biancoblu erano passati in vantaggio su rigore trasformato da Kortabarria. Un gol che illuse la squadra basca, con i padroni di casa piuttosto opachi. L’impennata dello Sporting arrivò tra la fine del primo e l’avvio del secondo tempo. Il centravanti asturiano Mesa fu micidiale nel suo uno-due. Neanche il gigantesco Arconada potè evitare la doppietta: i tifosi della Real passarono dalla gioia alla disperazione in un batter d’occhio.

Quindi si arriva al minuto 89’ che seguiamo direttamente dalle parole di Alkorta, tradotte alla lettera. “Olaizola per Alonso, cross di Alonso, uscita di Castro che allontana di pugno, recupera la palla Górriz, tiro di Górriz. Attenzione, Zamora controlla la palla, tiro, goooooool, goooooool, gol de la Real, gol, gooool, gol de la Real, goooooooool! Incredibile, signori”. Per tanti tifosi realisti, risentire, ancora oggi, la radiocronaca di quegli istanti conclusivi procura una grande emozione.

La stampa spagnola salutò con enfasi il trionfo della Real Sociedad. “Si realizza il sogno di sempre, un gol per illudersi, due per soffrire e in un minuto l’estasi finale” (El Diario Vasco), “All’ultimo assalto delusione cocente per Madrid” (Marca), “La Real, in extremis” (El Mundo Deportivo).

Nella stagione successiva, i baschi si confermarono campioni di Spagna. Il triennio doro della squadra di San Sebastian portò un altro titolo, la Supercoppa spagnola, conquistata allinizio dellannata 1982/83 dopo un doppio successo sul Real Madrid. Nella Liga, invece, Arconada e soci passarono lo scettro del comando allAthletic Bilbao. Nella stessa stagione, la Real Sociedad arrivò anche in semifinale di Coppa dei Campioni, eliminata dai tedeschi dell’Amburgo.

sociedad-wp3