Coppa delle Fiere 1967-68: LEEDS UNITED

leeds-coppa-fiere-1967-68-wp

La rivincita dei ragazzacci inglesi

Scocca finalmente l’ora dell’Inghilterra anche in Coppa delle Fiere. Dopo i successi di Tottenham e West Ham in Coppa delle Coppe e pochi mesi dopo l’affermazione del Manchester United in Coppa dei Campioni, il Leeds United si porta a casa l’unico trofeo europeo che ancora non aveva varcato i confini di sua maestà la regina.
Dopo tanto seminare finalmente Don Revie poteva raccogliere i frutti di un lavoro iniziato anni prima e che aveva sempre visto il Leeds arrivare a un centimetro dalla vittoria, sia in patria che in Europa, senza mai però afferrare nulla di concreto. La carenza in fase offensiva era stata la indicata dal tecnico degli inglesi come la causa principale degli insuccessi degli anni precedenti. Cosi all’inizio di questa stagione venne promosso in prima squadra il giovane Peter Lorimer, uno scozzese dal tiro esplosivo, e acquistato Mick Jones dallo Sheffield Wednesday. I due elevarono il potenziale offensivo del Leeds, che riuscì così a vincere la Coppa delle Fiere.

Accanto a Fiorentina e Napoli, scomparse al secondo turno del torneo, l’Italia schierò il Bologna. I felsinei giocarono un ottimo calcio e riuscirono a raggiungere le semifinali. Dopo aver eliminato i detentori della Dinamo Zagabria al secondo turno, gli emiliani conducono la loro campagna europea con grande autorità giungendo a un passo dall’atto conclusivo. In semifinale di fronte ai rossoblu di Carniglia si pone il Ferencvaros, vincitore della Coppa delle Fiere 1965. I felsinei sono stati fin lì perfetti e non hanno ancora subito una sconfitta nel cammino di coppa. E la gara di andata in Ungheria sembra confermare il trend positivo visto che dopo poco più di mezz’ora il Bologna è già in vantaggio per 2-0 grazie a Clerici e Perani. Gli emiliani si siedono però sugli allori e consentono al Ferencvaros di ribaltare il risultato fino al 3-2 conclusivo timbrato da Varga all’80’.

Cinque giorni dopo, in Emilia, basterebbe una vittoria con un gol di scarto. Sono una fitta pioggerellina comincia meglio il Ferencvaros che si porta avanti con un gran tiro di Varga, prima che Perani riequilibri l’incontro poco prima dell’intervallo. Nella ripresa Tentorio lancia il Bologna verso la finale, ma gli uomini di Carniglia arretrano troppo il baricentro consentendo agli ungheresi di presentarsi più volte nei pressi di Vavassori, finché il terzino Havasi non azzecca la conclusione che elimina gli emiliani dalla coppa.

Ancora una volta, a causa del protrarsi della manifestazione, la finale si dovette giocare in piena estate, ancor prima del via della stagione successiva. Questa volta però il Leeds non volle assolutamente farsi cogliere di sorpresa e si preparò per il primo incontro in programma il 7 agosto con grande puntigliosità.
A Elland Road in una serata calda e umida, il Leeds ha la meglio sul Ferencvaros di misura grazie a una rete di Mick Jones. L’1-0 non lascia tranquillo Don Revie che nel mese di attesa in vista del secondo confronto prepara al meglio la sua squadra, impostando una partita tutta sulla difensiva.
Estremamente fiducioso il Leeds andò quindi in Ungheria, condusse la gara di contenimento che aveva preparato nel lungo mese di allenamenti e alla fine riuscì a condurre in porto lo 0-0 che era sufficiente per portarsi a casa il trofeo.

IL TABELLONE DELLA COPPA DELLE FIERE 1967/68

Primo turno

DWS – Dundee 2-4 (2-1; 0-3)
PAOK – RFC Liegi 2-5 (0-2; 2-3)
E. Francoforte – Nottingham Forest 0-5 (0-1; 0-4)
Zurigo – Barcellona 3-2 (3-1; 0-1)
Club Bruges – Sporting Lisbona 1-2 (0-0; 1-2)
Nizza – Fiorentina 0-5 (0-1; 0-4)
Dinamo Dresda – Rangers 2-3 (1-1; 1-2)
Colonia – Slavia Praga 4-2 (2-0; 2-2)
Partizan – Lokomotiv Plovdiv 6-2 (5-1; 1-1)
Spora Luxembourg – Leeds Utd 0-16 (0-9; 0-7)
Napoli – Hannover 96 5-1 (4-0; 1-1)
Hibernian – Porto 4-3 (3-0; 1-3)
DOS Utrecht – Real Saragozza 4-5 (3-2; 1-3)
Argeș Pitești – Ferencváros 3-5 (3-1; 0-4)
Malmö FF – Liverpool 1-4 (0-2; 1-2)
Servette – Monaco 1860 2-6 (2-2; 0-4)
St Patrick’s – Bordeaux 4-9 (1-3; 3-6)
Frem – Athletic Bilbao 2-4 (0-1; 2-3)
Bologna – Lyn 2-0 (2-0; 0-0)
Dinamo Zagabria – Petrolul Ploiești 5-2 (5-0; 0-2)
Vojvodina – CUF Barreiro 4-1 (1-0; 3-1)
Lokomotive Lipsia – Linfield 5-2 (5-1; 0-1)
Wiener Sport-Club – Atlético Madrid 3-7 (2-5; 1-2)
Anversa – Göztepe 1-2 (1-2; 0-0)

Secondo turno

Dundee – RFC Liegi 7-2 (3-1; 4-1)
Nottingham Forest – Zurigo 2-2 (2-1; 0-1)
Sporting Lisbona – Fiorentina 3-2 (2-1; 1-1)
Rangers – Colonia 4-3 (3-0; 1-3 dts)
Partizan – Leeds Utd 2-3 (1-2; 1-1)
Napoli – Hibernian 4-6 (4-1; 0-5)
Real Saragozza – Ferencváros 2-4 (2-1; 0-3)
Liverpool – Monaco 1860 9-2 (8-0; 1-2)
Bordeaux – Athletic Bilbao 1-4 (1-3; 0-1)
Bologna – Dinamo Zagabria 2-1 (0-0; 2-1)
Vojvodina – Lokomotive Lipsia 2-0 (0-0; 2-0)
Atlético Madrid – Göztepe 2-3 (2-0; 0-3)

Terzo turno

Zurigo – Sporting Lisbona 3-1 (3-0; 0-1)
Leeds Utd – Hibernian 2-1 (1-0; 1-1)
Ferencváros – Liverpool 2-0 (1-0; 1-0)
Vojvodina – Göztepe 2-0 (1-0; 1-0)

Quarti di finale

Dundee – Zurigo 2-0 (1-0; 1-0)
Rangers – Leeds Utd 0-2 (0-0; 0-2)
Ferencváros – Athletic Bilbao 4-2 (2-1; 2-1)
Bologna – Vojvodina 2-0 (0-0; 2-0)

Semifinali

Dundee – Leeds Utd 1-2 (1-1; 0-1)
Ferencváros – Bologna 5-4 (3-2; 2-2)

Finale

Leeds Utd – Ferencváros  1-0 (1-0; 0-0)

VINCITORE: LEEDS UNITED


ferencvaros-leeds-1968-fairs