Coppa delle Fiere 1969-70: ARSENAL FC

arsenal-coppa-fiere-1969-70-wp

L’Anderlecht si arrende alla legge di Highbury

La terza affermazione consecutiva dell’Inghilterra porta la firma dell’Arsenal al suo primo trionfo europeo, 17 anni dopo il suo ultimo successo (il titolo del 1952-53).
La migliore delle italiane impegnate in questa edizione della Coppa delle Fiere è la nuova Inter abbandonata da Moratti e da Herrera. Sulla plancia di comando c’è ora il nuovo presidente Fraizzoli mentre in panchina conduce le operazioni Heribero Herrera, il profeta del “movimiento”.
Si tratta di un’Inter pratica e solida che dà il suo meglio quando trova gli spazi per distendersi in contropiede come nella semifinale di Bruxelles quando Boninsegna affonda l’Anderlecht. Si pensa già alla finale, ma i belgi guidati dal leggendario Van Himst si impongono a sorpresa a San Siro spegnendo gli entusiasmi dei milanesi.

Da parte sua l’Arsenal compie un cammino sicuro e approda alle semifinali dove viene opposto all’Ajax di Cruijff. Gli olandesi, che vinceranno la Coppa dei Campioni per tre volte consecutive negli anni successivi, vengono però annichiliti a Highbury grazie a un finale rabbioso dell’Arsenal che, già in vantaggio 1-0, trova con George e Sammels i gol della sicurezza negli ultimi 13′. Ad Amsterdam la rete concessa nei primi minuti a Gerry Muhren è l’unica distrazione di una serata perfetta.

In finale i favori del pronostico sono per l’Anderlecht, squadra di tradizione e esperta ai massimi livelli europei. I belgi scelgono di giocare a Bruxelles con le loro maglie da trasferta bianco-rosse e impongono la loro legge andando addirittura sul 3-0 con Jan Mulder autore di una doppietta. A cinque minuti dal termine, però, un perfetto colpo di testa del giovane Ray Kennedy entrato da poco in campo restituisce linfa alle speranze inglesi.

Una settimana dopo a Highbury, gremito da 52.000 fans, l’Arsenal gioca una partita di grande intensità e guadagna il trofeo. Il diciottenne Eddie Kelly apre le marcature addomesticando un pallone alto con il sinistro e fiondandolo in rete con il destro dal limite dell’area al 26′. La pressione e il ritmo dell’Arsenal cresce ancora tanto che al termine della contesa McLintock rivelò che un avversario gli chiese se erano drogati. A 18′ dalla fine della partita Radford incorna perfettamente un cross di McNab regalando all’Arsenal il 2-0 che significherebbe Coppa delle Fiere. Nel minuto successivo il pubblico londinese passa dalla grande paura all’esplosione di gioia definitiva: Mulder colpisce un palo clamoroso e sul capovolgimento di fronte Sammels sfrutta un lungo lancio di George beffando il portiere belga con un preciso tiro cross che si insacca in rete e fa impazzire Highbury.

 

IL TABELLONE DELLA COPPA DELLE FIERE 1969/70

Trentaduesimi di finale

Valur – Anderlecht 0-8 (0-6; 0-2)
Jeunesse Esch – Coleraine 3-6 (3-2; 0-4)
Dunfermline – Bordeaux 4-2 (4-0; 0-2)
Vojvodina – Gwardia Varsavia 1-2 (0-1; 1-1)
Hvidovre – Porto 1-4 (1-2; 0-2)
Dundee – Newcastle Utd 1-3 (1-2; 0-1)
Vitória Guimarães – Baník Ostrava 2-1 (1-0; 1-1)
Rosenborg – Southampton 1-2 (1-0; 0-2)
Vitória Setúbal – Rapid Bucarest 7-2 (3-1; 4-1)
Liverpool – Dundalk 14-0 (10-0; 4-0)
Las Palmas – Hertha Berlino 0-1 (0-0; 0-1)
Juventus – Lokomotiv Plovdiv 5-2 (3-1; 2-1)
Losanna – Győri ETO 2-4 (1-2; 1-2)
Barcellona – B 1913 6-0 (4-0; 2-0)
Hansa Rostock – Paniōnios 3-2 (3-0; 0-2)
Inter – Sparta Praga 4-0 (3-0; 1-0)
Zurigo – Kilmarnock 4-5 (3-2; 1-3)
Slavia Sofia – Valencia 3-1 (2-0; 1-1)
Monaco 1860 – Skeid 3-4 (2-2; 1-2)
Dinamo Bacău – Floriana 7-0 (6-0; 1-0)
Charleroi – NK Zagabria 5-2 (2-1; 3-1)
Rouen – Twente 2-1 (2-0; 0-1)
Sporting Lisbona – LASK Linz 6-2 (4-0; 2-2)
Arsenal – Glentoran 3-1 (3-0; 0-1)
Carl Zeiss Jena – Altay 1-0 (1-0; 0-0)
Arīs Salonicco – Cagliari 1-4 (1-1; 0-3)
Sabadell – Club Bruges 3-5 (2-0; 1-5)
Partizan – Újpest 2-3 (2-1; 0-2)
Stoccarda – Malmö FF 4-1 (3-0; 1-1)
Metz – Napoli 2-3 (1-1; 1-2)
Hannover 96 – Ajax 2-4 (2-1; 0-3)
Wiener Sport-Club – Ruch Chorzów 5-6 (4-2; 1-4)

Sedicesimi di finale

Anderlecht – Coleraine 13-4 (6-1; 7-3)
Dunfermline – Gwardia Varsavia 3-1 (2-1; 1-0)
Porto – Newcastle Utd 0-1 (0-0; 0-1)
Vitória Guimarães – Southampton 4-8 (3-3; 1-5)
Vitória Setúbal – Liverpool 3-3 (1-0; 2-3)
Hertha Berlino – Juventus 3-1 (3-1; 0-0)
Győri ETO – Barcellona 2-5 (2-3; 0-2)
Hansa Rostock – Inter 2-4 (2-1; 0-3)
Kilmarnock – Slavia Sofia 4-3 (4-1; 0-2)
Skeid – Dinamo Bacău 0-2 (0-0; 0-2)
Charleroi – Rouen 3-3 (3-1; 0-2)
Sporting Lisbona – Arsenal 0-3 (0-0; 0-3)
Carl Zeiss Jena – Cagliari 3-0 (2-0; 1-0)
Club Bruges – Újpest 5-5 (5-2; 0-3)
Stoccarda – Napoli 0-1 (0-0; 0-1)
Ajax – Ruch Chorzów 9-1 (7-0; 2-1)

Ottavi di finale

Anderlecht – Dunfermline 3-3 (1-0; 2-3)
Newcastle Utd – Southampton 1-1 (0-0; 1-1)
Vitória Setúbal – Hertha Berlino 1-2 (1-1; 0-1)
Barcellona – Inter 2-3 (1-2; 1-1)
Kilmarnock – Dinamo Bacău 1-3 (1-1; 0-2)
Rouen – Arsenal 0-1 (0-0; 0-1)
Carl Zeiss Jena – Újpest 4-0 (1-0; 3-0)
Napoli – Ajax 1-4 (1-0; 0-4 dts)

Quarti di finale

Anderlecht – Newcastle Utd 3-3 (2-0; 1-3)
Hertha Berlino – Inter 1-2 (1-0; 0-2)
Dinamo Bacău – Arsenal 1-9 (0-2; 1-7)
Carl Zeiss Jena – Ajax 4-6 (3-1; 1-5)

Semifinali

Anderlecht – Inter 2-1 (0-1; 2-0)
Arsenal – Ajax 3-1 (3-0; 0-1)

Finale

Anderlecht – Arsenal  3-4 (3-1; 0-3)

VINCITORE: ARSENAL FC

arsenal-coppa-fiere1-1969-70-wp