Coppa UEFA 2001/02: FEYENOORD

Uno storico bis a distanza di 28 anni

Il Feyenoord è la dimostrazione che le cose belle arrivano a chi le sa attendere. A 28 anni di distanza dall’ultimo successo a livello europeo, nel maggio 2002 la squadra alza al cielo la Coppa UEFA. Non solo supera per 3-2 i campioni di Germania del Borussia Dortmund al termine di un’emozionante finale, ma può anche festeggiare sul proprio terreno dello stadio Feyenoord.

La squadra di Bert van Marwijk aveva iniziato la stagione nella UEFA Champions League, ma era poi slittata alla Coppa UEFA dopo essere giunta terza nella fase a gironi. Da quel momento perde più una gara. Friburgo, Rangers, il derby con il PSV Eindhoven – nei quarti di finale dopo i calci di rigore – e Inter sono le squadre che si arrendono al Feyenoord. In tutto questo procedere gran parte dei gol, molti su punizione, portano la firma di Pierre van Hooijdonk.

Anche il Borussia Dortmund allenato da Matthias Sammer arriva in UEFA un seguito all’eliminazione in Champions League. Gli avversari che incontra sono FC Copenhagen, Lille, Slovan Liberec prima di incontrare in semifinale il Milan di Ancelotti. A Dortmund il Borussia passa con un sonante 4-0 (tripletta di Marcio Amoroso) ma a San Siro rischia il tracollo. Il Milan si porta sul 3-0 e solo al 94′ Ricken mette fine al match lanciando i tedeschi verso l’atto finale.

Proprio Milan e Inter, stoppate in semifinale, riescono a tenere alta la bandiera dell’Italia nel tabellone UEFA. La Fiorentina non va oltre i sedicesimi di finale, eliminata dai francesi del Lille, mentre il Parma lascia nel turno successivo davanti ai sorprendenti israeliani dell’Hapoel.

Borussia-Milan 4-0: Amoroso firma la sua tripletta

Il Feyenoord di Bert van Marwijk arriva in finale sulla scia di un deludente terzo posto nella massima serie olandese, mentre il Dortmund vi approda con il morale alle stelle per essere riuscito a conquistare il titolo con un punto di vantaggio a spese del Bayer Leverkusen.

A Rotterdam c’è il tutto esaurito nonostante il clima di tensione accompagna la vigilia della finalissima per l’uccisione di Pim Fortuyn, il del leader dell’estrema destra assassinato due giorni prima. Sul campo la prima occasione gol è per i tedeschi, al 15′, con il centrocampista ceco Rosizky che fa finire tra le braccia del portiere la palla. Il Feyenoord risponde dopo tre minuti con il suo uomo in più: van Hooijdonk si mette subito in mostra con uno spettacolare calcio di punizione da 35 metri che sfiora di un soffio la porta. Un calcio piazzato con cui si ripeterà, quasi in fotocopia venti minuti dopo regalando la seconda rete degli olandesi.

Ma l’azione determinante, che segna la svolta del match, arriva al 33′, con l’arbitro che sblocca la gara fischiando il calcio di rigore in favore degli olandesi e lasciando in dieci uomini il Borussia. Jürgen Kohler si aggrappa all’avversario e lo butta giù vistosamente: per lui il cartellino rosso che lo condanna ad un’ amara conclusione della carriera e regala al Feyenoord la palla del vantaggio. Dal dischetto van Hooijdonk non sbaglia.

I tedeschi in inferiorità numerica subiscono il colpo e al 40′ l’olandese si ripete con un calcio piazzato: questa volta la punizione supera la barriera e spiazza Lehmann. Nel secondo tempo il Borussia torna in campo pronto a tentare il tutto per tutto ed è spettacolo. I tedeschi rimediano un calcio di rigore al primo minuto della ripresa e Marcio Amoroso accorcia le distanze.

Il Feyenoord accusa il colpo, ma poi un errore della difesa tedesca permette a Tomasson di allungare: l’olandese si inserisce e sorprendendo la difesa tedesca batte il portiere. Il pressing offensivo del Feyenoord stringe il Borussia che però non ci sta e al 12′ rientra in partita grazie a Jan Koller, che spiazza Zoetebier con un destro perfetto e imparabile. Ma il Feyenoord si chiude, per portare a casa il risultato e una coppa vinta 28 anni fa. Quella che manca invece ancora al Borussia.


IL TABELLONE DELLA COPPA UEFA 2001/2002

Turno Preliminare
Cosmos – Rapid Vienna 0-3 (0-1; 0-2)
Pelister – San Gallo 3-4 (0-2; 3-2)
Dinamo Bucarest – Dinamo Tirana 4-1 (1-0; 3-1)
Olimpia Lubiana – Shafa 7-0 (4-0; 3-0)
Midtjylland – Glentoran 5-1 (1-1; 4-0)
Trans Narva – Elfsborg 3-5 (3-0[1]; 0-5)
Bruges – ÍA Akraness 10-1 (4-0; 6-1)
Obilic – GÍ Gøta 5-1 (4-0; 1-1)
Brasov – Mika Ashtarak 7-1 (5-1; 2-0)
Viking – Brotnjo 2-1 (1-0; 1-1)
Arsenal Kiev – Jokerit 4-0 (2-0; 2-0)
Vardar Skopje – Standard Liegi 1-6 (0-3; 1-3)
HJK Helsinki – Ventspils 3-1 (2-1; 1-0)
Cwmbran Town – Slovan Bratislava 0-5 (0-4; 0-1)
Maritimo – FK Sarajevo 2-0 (1-0; 1-0)
Fylkir – Pogoń Szczecin 3-2 (2-1; 1-1)
Dinamo Zagabria – Flora Tallinn 2-0 (1-0; 1-0)
Glenavon – Kilmarnock 0-2 (0-1; 0-1)
KF Tirana – Apollōn Limassol 4-5 (3-2; 1-3)
Ararat – Hapoel Tel Aviv 0-5 (0-2; 0-3)
Etzella Ettelbruck – Legia Varsavia 1-6 (0-4; 1-2)
Zimbru Chisinau – Gaziantepspor 1-4 (0-0; 1-4)
Dinaburg – NK Osijek 2-2 (2-1; 0-1)
Neftchi – Gorica 0-1 (0-0; 0-1)
HB Tórshavn – Grazer AK 2-6 (2-2; 0-4)
Atlantas – Rapid Bucarest 0-12 (0-4; 0-8)
Matador Puchov – Sliema Wanderers 4-2 (3-0; 1-2)
Longford Town – Litex Loveč 1-3 (1-1; 0-2)
Brondby – Shelbourne 5-0 (2-0; 3-0)
Santa Coloma – Partizan 1-8 (0-1; 1-7)
Maccabi Tel Aviv – Zalgiris Vilnius 7-0 (6-0; 1-0)
Shakhtyor Salihorsk – CSKA Sofia 2-5 (1-2; 1-3)
MyPa – Helsingborg 2-5 (1-3; 1-2)
Dinamo Tbilisi – Bate Borisov 2-5 (2-1; 0-4)
Debreceni – Nistru Otaci 3-1 (3-0; 0-1)
Polonia Varsavia – Total Network Solutions 6-0 (4-0; 2-0)
Birkirkara – Lokomotivi Tbilisi 1-1 (0-0; 1-1)
AEK Atene – Grevenmacher 8-0 (6-0; 2-0)
Ruzomberok – Belshyna Babruisk 3-1 (3-1; 0-0)
Olympiakos Nicosia – Dunaferr 6-4 (2-2; 4-2)
Vaduz – Varteks 4-9 (3-3; 1-6)
Primo turno
Al primo turno a settembre accedevano le perdenti del preliminare di Champions League.
Inter Bratislava – Litex Loveč 1-3 (1-0; 0-3)
Inter – Brasov 6-0 (3-0; 3-0)
Servette – Slavia Praga 2-1 (1-0; 1-1)
Roda Kerkrade – Fylkir 6-1 (3-0; 3-1)
CSCA Kiev – Stella Rossa 3-2 (3-2; 0-0)
Gençlerbirliği – Halmstads 1-2 (1-1; 0-1)
AEK Atene – Hibernian 4-3 (2-0; 2-3 (dts))
Olimpia Lubiana – Brondby 2-4 (2-4; 0-0)
Utrecht – Grazer AK 6-3 (3-0; 3-3)
Slovan Liberec – Slovan Bratislava 2-1 (2-0; 0-1)
Copenaghen – Obilic 4-2 (2-0; 2-2)
CSKA Sofia – Šachtar 4-2 (3-0; 1-2)
Standard Liegi – Strasburgo 4-2 (2-0; 2-2)
Bate Borisov – Milan 0-6 (0-2; 0-4)
Černomorec Novorossijsk – Valencia 0-6 (0-1; 0-5)
Aston Villa – Varteks 3-3 (2-3; 1-0)
Parma – HJK Helsinki 3-0 (1-0; 2-0)
Gorica – Osijek 1-3 (1-2; 0-1)
Ipswich – Torpedo Mosca 3-2 (1-1; 2-1)
Kilmarnock – Viking 1-3 (1-1; 0-2)
Ajax – Apollōn Limassol 5-0 (2-0; 3-0)
Real Saragozza – Silkeborg 5-1 (3-0; 2-1)
Dinamo Bucarest – Grasshopper 2-6 (1-3; 1-3)
Marila Pribram – Sedan 5-3 (4-0; 1-3)
Troyes – Ruzomberok 6-2 (6-1; 0-1)
Legia Varsavia – Elfsborg 10-2 (4-1; 6-1)
Westerlo – Hertha Berlino 0-3 (0-2; 0-1)
Chelsea – Levski Sofia 5-0 (3-0; 2-0)
Karnten – PAOK Salonicco 0-4 (0-0; 0-4)
Dinamo Mosca – Birkirkara 1-0 (1-0; 0-0)
Dnipro Dnipropetrovsk – Fiorentina 1-2 (0-0; 1-2)
San Gallo – Steaua Bucarest 3-2 (2-1; 1-1)
Bordeaux – Debreceni 6-4 (5-1; 1-3)
Hapoel Tel Aviv – Gaziantepspor 2-1 (1-0; 1-1)
Haka – Union Berlino 1-4 (1-1; 0-3)
Partizan – Rapid Vienna 2-5 (1-0; 1-5)
Celta Vigo – Sigma Olomouc 7-4 (4-0; 3-4)
Midtjylland – Sporting Lisbona 2-6 (0-3; 2-3)
Anži – Rangers 0-1 (0-1; annullata)
Hajduk Spalato – Wisla Cracovia 2-3 (2-2; 0-1)
Paris Saint-Germain – Rapid Bucarest 3-0 (0-0; 3-0 tav)
Maritimo – Leeds 1-3 (1-0; 0-3)
Olympiakos Nicosia – Bruges 3-9 (2-2; 1-7)
Odd Grenland – Helsingborg 3-3 (2-2; 1-1)
Viktoria Zizkov – Tirol Innsbruck 0-1 (0-0; 0-1)
Dinamo Zagabria – Maccabi Tel Aviv 3-3 (2-2; 1-1)
Polonia Varsavia – Twente 1-4 (1-2; 0-2)
Matador Puchov – Friburgo 1-2 (0-0; 1-2)
Secondo Turno
Roda Kerkrade – Maccabi Tel Aviv 5-3 (4-1; 1-2)
Legia Varsavia – Valencia 2-7 (1-1; 1-6)
Friburgo – San Gallo 4-2 (0-1; 4-1)
Bordeaux – Standard Liegi 4-0 (2-0; 2-0)
Fiorentina – Tirol Innsbruck 4-2 (2-0; 2-2)
Ipswich – Helsingborgs 3-1 (0-0; 3-1)
Paris Saint-Germain – Rapid Vienna 6-2 (4-0; 2-2)
Union Berlino – Litex Loveč 0-2 (0-2; 0-0)
Copenaghen – Ajax 1-0 (0-0; 1-0)
Inter – Wisla Cracovia 2-1 (2-0; 0-1)
PAOK Salonicco – Marila Příbram 8-3 (6-1; 2-2)
Rangers – Dinamo Mosca 7-2 (3-1; 4-1)
Halmstads – Sporting Lisbona 1-7 (0-1; 1-6)
Real Saragozza – Servette 0-1 (0-0; 0-1)
Leeds – Troyes 6-5 (4-2; 2-3)
CSCA Kiev – Bruges 0-7 (0-2; 0-5)
Utrecht – Parma 1-3 (1-3; 0-0)
Osijek – AEK Atene 3-5 (1-2; 2-3)
Viking – Hertha Berlino 0-3 (0-1; 0-2)
Grasshoppers – Twente 6-5 (4-1; 2-4)
NK Varteks – Brøndby 3-6 (3-1; 0-5)
Hapoel Tel Aviv – Chelsea 3-1 (2-0; 1-1)
Celta Vigo – Slovan Liberec 3-4 (3-1; 0-3)
Milan – CSKA Sofia 3-0 (2-0; 1-0)
Sedicesimi di finale
Al terzo turno a novembre accedevano le terze classificate dei gironi di Champions League.
PAOK Salonicco – PSV 4-6 (3-2; 1-4)
Fiorentina – Lilla 0-3 (0-1; 0-2)
Valencia – Celtic 1-1 (1-0; 0-1 (5-4 dcr))
Servette – Hertha Berlino 3-0 (0-0; 3-0)
Ipswich – Inter 2-4 (1-0; 1-4)
Rangers – Paris Saint-Germain 0-0 (0-0; 0-0 (4-3 dcr))
Feyenoord – Friburgo 3-2 (1-0; 2-2)
AEK Atene – Litex Loveč 4-3 (3-2; 1-1)
Grasshopper – Leeds 3-4 (1-2; 2-2)
Parma – Brondby 4-1 (1-1; 3-0)
Bordeaux – Roda Kerkrade 1-2 (1-0; 0-2)
Slovan Liberec – Maiorca 5-2 (3-1; 2-1)
Hapoel Tel Aviv – Lokomotiv Mosca 3-1 (2-1; 1-0)
Copenhagen – Borussia Dortmund 0-2 (0-1; 0-1)
Milan – Sporting Lisbona 3-1 (2-0; 1-1)
Bruges – Lione 4-4 (4-1; 0-3)
Ottavi di Finale
Inter – AEK Atene 5-3 (3-1; 2-2)
Valencia – Servette 5-2 (3-0; 2-2)
PSV – Leeds 1-0 (0-0; 1-0)
Rangers – Feyenoord 3-4 (1-1; 2-3)
Lione – Slovan Liberec 2-5 (1-1; 1-4)
Lilla – Borussia Dortmund 1-1 (1-1; 0-0)
Hapoel Tel Aviv – Parma 2-1 (0-0; 2-1)
Roda Kerkrade – Milan 1-1 (0-1; 1-0 (2-3 dcr))
Quarti di Finale
Inter – Valencia 2-1 (1-1; 1-0)
PSV – Feyenoord 2-2 (1-1; 1-1 (4-5 dcr))
Slovan Liberec – Borussia Dortmund 0-4 (0-0; 0-4)
Hapoel Tel Aviv – Milan 1-2 (1-0; 0-2)
Semifinali
Inter – Feyenoord 2-3 (0-1; 2-2)
Borussia Dortmund – Milan 5-3 (4-0; 1-3)
FINALE
Feijenoord Stadion, Rotterdam – 8 maggio 2002
FEYENOORD – BORUSSIA DORTMUND 3-2
Reti
: 33′ 1-0 Van Hooijdonk (rig); 40′ 2-0 Van Hooijdonk; 47′ 2-1 Amoroso (rig); 50′ 3-1 Tomasson; 58′ 3-2 Koller
Feyenoord: Zoetebier; Gyan, Van Wonderen, Paauwe, Rzasa; Kalou (Elmander, 76), Bosvelt, Ono (De Haan, 85), Van Persie (Leonardo, 63); Tomasson; Van Hooijdonk.
Borussia Dortmund: Lehmann; Evanilson, Worns, Kohler, Dede; Ricken (Heinrich, 70), Reuter; Rosicky; Ewerthon (Addo, 61), Koller, Amoroso.
Arbitro: Vítor Melo Pereira (Portogallo)

CLASSIFICA CANNONIERI

GiocatoriRetiSquadra
Pierre van Hooijdonk8Feyenoord
Jardel6Sporting CP
Richard Nuñez6Grasshoppers
Mohamed Kallon6Internazionale
Jan Nezmar5Liberec
Yiasoumi Yiasemakis5PAOK
Pauleta5Bordeaux
Nicola Ventola5Internazionale
Marcio Amoroso5Dortmund
Milan Osterc5H. Tel-Aviv