Mondiali 1966: INGHILTERRA

Dietro le quinte del Mondiale

11 luglio

Il Brasile calciofilo si appresta a godersi le partite di Coppa del Mondo. Per accontentare gli appassionati di calcio e per permettere loro di seguire l’andamento degli incontri, non solo quelli della nazionale verde-oro, a Rio de Janeiro è stato allestito un enorme cartellone, che vedrà il suo debutto oggi con la partita inaugurale Inghilterra-Uruguay. 

12 luglio

Offenbach (Germania Ovest), abitazione dell’operaio Martin Becker. Mentre la televisione tedesca sta trasmettendo la partita degli ottavi di finale Germania Ovest-Svizzera, che si sarebbe conclusa col risultato di 5-0 a favore dei tedeschi, il televisore di Becker si è guastato. Il tifoso tedesco, infuriato e fuori di sé, ha cominciato a percuotere l’apparecchio televisivo, fino a romperlo in mille pezzi. La moglie era riuscita, in un primo momento, a calmarlo e a distrarlo facendolo giocare a carte ma, all’improvviso, il marito si è chiuso in bagno e si è impiccato. 

13 luglio

E’ di oggi la notizia dell’arrivo a Londra dell’arbitro messicano Ortiz, mandato dalla Federazione messicana in Inghilterra per sostituire il connazionale Buergo Elcuaz, colpito da una grave malattia a New York mentre era in viaggio alla volta dell’Europa. Ma l’occupazione di Ortiz sarà, fino alla fine del Mondiale, quella del turista: infatti non verrà mai impiegato… 

14 luglio

Il giorno dopo la vittoria riportata dall’Italia sul Cile (2-0) si respira un clima di serenità e di felicità nel clan azzurro. I giocatori hanno così riscattato l’ingiusta sconfitta subìta proprio dai cileni a Santiago 4 anni fa: da notare che tra i sudamericani figura ancora Sanchez, mentre tra gli 11 azzurri non figurano i due espulsi di quel famoso incontro, vale a dire David e Ferrini. 

15 luglio

Londra, ottavi di finale, Uruguay-Francia 2-1. La partita si svolge nello stadio londinese del White City: si sarebbe dovuta giocare nello stadio di Wembley, ma qui, come ogni venerdì sera, era in programma la tradizionale riunione di corse dei levrieri. Anziché dare la precedenza a un incontro di Coppa del Mondo, si dà ragione alla tradizione… 

16 luglio

Londra, prima fase, partita del girone A: Inghilterra-Messico 2-0. Facile vittoria dei padroni di casa di fronte agli 85000 di Wembley, che esultano dopo il pareggio (0-0) di cinque giorni fa. A dirigere l’incontro è un arbitro italiano: Concetto Lo Bello. 

17 luglio

Londra, campo di allenamento della nazionale sovietica. Salgono vibranti le proteste della delegazione russa, poiché è sparita la bandiera dell’Urss. Il Comitato organizzatore ritiene che il furto sia opera dei soliti ragazzini a caccia di souvenirs. 

18 luglio

Darlington, sede del ritiro della Corea del Nord: alla vigilia dell’incontro con l’Italia, l’allenatore Myung Rye Hyun afferma in conferenza stampa che se l’italia è quella vista contro Cile (2-0) e Urss (0-1), non vi sarà alcun dubbio su chi vincerà. Affermazione superba, ma profetica… 

19 luglio

Middlesbrough, ottavi di finale, Corea del Nord-Italia 1-0. Si consuma la più grande “tragedia” della storia del calcio italiano. Non basta il grave infortunio occorso a Bulgarelli, al 36′, che costringe gli azzurri a giocare in 10 contro 11 per gran parte dell’incontro a giustificare un’inattesa sconfitta: a segnare, al 42′ del primo tempo, è Pak Doo Ik, di professione dentista. 

20 luglio

Giornata di lutto in tutto il Brasile dopo la sconfitta (1-3) subìta dai verde-oro contro il Portogallo. Milioni di brasiliani avevano interrotto tutte le attività amministrative già qualche ora prima dell’inizio della partita, al termine della quale, a Rio de Janeiro, si sono registrate, fino al giorno successivo, delle scaramucce dei tifosi più accesi nei confronti della comunità portoghese. 

21 luglio

Fervono i lavori del Comitato organizzatore: oltre a stabilire che nel prossimo incontro nord coreani, ungheresi e inglesi cambino il colore della loro maglia, per non confondere i telespettatori, è ancor più importante la decisione, presa in data odierna, di consentire la sostituzione dei giocatori infortunati con elementi della panchina a partire dalla fase finale dei Mondiali del 1970. 

22 luglio

In occasione dele quarti di finale di domani, la RAI fa oggi sapere che vi sarà una trasmissione simile a quella domenicale del “calcio minuto per minuto”. I radioascoltatori saranno collegati ai campi dei 4 quarti di finale (Urss-Ungheria, Germania Ovest-Uruguay, Portogallo-Corea del Nord e Inghilterra-Argentina) a partire dalle 15.15. 

23 luglio

Londra, quarti di finale, Inghilterra-Argentina 1-0. I padroni di casa si qualificano per le semifinali grazie a un gol di Hurst nel finale di partita. Al termine dell’incontro venne inviato un caustico telegramma da Guillermo Stabile, ex allenatore argentino, al collega inglese Alf Ramsey: “Vorrei congratularmi con voi ma una cosa tanto assurda mi costringe a mandarvi le mie condoglianze in quest’ora luttuosa per il calcio mondiale”. 

24 luglio

Conseguenze del quarto di finale Portogallo-Corea del Nord 5-3: gli asiatici, che erano stati invitati a una serie di amichevoli da sostenere in Europa, torneranno nel loro Paese “carichi di gloria”, come recita il comunicato diramato oggi. In realtà i giocatori nord-coreani, come è stato di recente scoperto a distanza di decenni, furono oggetto di un programma di “rieducazione politica” nei gulag di regime: la colpa degli atleti fu quella di farsi sconfiggere dai portoghesi mentre erano in vantaggio per 3-0. 

25 luglio

Londra, quartier generale del Portogallo. La polizia londinese ha dovuto battersi energicamente per impedire a frotte di ragazzini di penetrare nella stanza del fuoriclasse portoghese Eusebio in un albergo di Harlow. I ragazzi del posto, che si stanno godendo le vacanze estive, sono infatti a caccia di autografi e il primo posto dei loro desideri è occupato dal campione lusitano. 

26 luglio

Singolare protesta di due tifosi di Liverpool, allontanati dalla polizia mentre stavano innalzando un cartello con la scritta: “L’Inghilterra snobba Liverpool”. Motivo della contestazione: la decisione presa dal Comitato Organizzatore di far disputare la semifinale Inghilterra-Portogallo a Londra, nello stadio di Wembley, anziché a Liverpool. 

27 luglio

Nuovo record stabilito dai giornalisti sudamericani: il giornalista Fontana Rossa, inviato di un periodico di Buenos Aires, ha trasmesso al proprio giornale una corrispondenza durata 4 ore e costata 438 sterline, l’equivalente di 760.000 lire italiane del tempo. 

28 luglio

Si apprestano i preparativi dei tifosi inglesi in vista della finale del 30 Luglio: riprendendo il celebre ritornello di “When the saints go marchin’ in”, i fans di casa sostituiscono la parola “saints” con “whites” (= bianchi), dato che i giocatori inglesi giocano abitualmente con la casacca bianca. Dovranno inventarsi qualcosa di nuovo, visto che i propri beniamini giocheranno la finalissima con la maglia rossa… 

29 luglio

Cento chili di pane, un regalo di alcuni fornai tedeschi per la loro squadra che affronterà domani l’Inghilterra a Wembley, sono giunti all’aeroporto di Londra. Tuttavia il pane è stato devoluto alla società protezione animali, il che fa intuire che la squadra tedesca sia pienamente soddisfatta della qualità del pane sfornato dai panettieri inglesi. 

30 luglio

Londra, finale 1° posto, Inghilterra-Germania Ovest 4-2 (dopo i tempi supplementari). Giallo del terzo gol di Hurst, siglato al minuto numero 101: la palla colpisce la traversa e finisce al di là della linea bianca difesa dal portiere tedesco Tilkowski: tuttavia l’arbitro Dienst, su segnalazione del guardalinee, convalida la rete che spiana la via del successo agli inglesi di fronte alla Regina. 

eng-ger-1966-c7844kG74n4-wp