Coppa UEFA 1980/81: IPSWICH TOWN

ipswich-uefa-80-81-wp

Il trionfo del calcio provinciale


L’Italia paga la lunga serie di annate negative nel torneo con la riduzione da quattro a due del numero delle partecipanti alla Uefa. Le molteplici uscite nei primi turni delle ultime edizioni cominciano a farsi sentire nel complicato sistema dei coefficienti Uefa e il crollo delle azioni italiane comporta la riduzione delle nostre pretendenti. Tocca così a Juventus e Torino tenere alto il nome del Belpaese, ma ci si accorge ben presto che anche questo non è l’anno buono.

I bianconeri salutano la compagnia al secondo turno puniti ai calci di rigore dal Widzew Lodz di Zibì Boniek; il Toro, dopo essersi salvato ai supplementari del primo turno contro il Molenbeek grazie a una rete di Graziani arriva al capolinea negli ottavi di finale contro il Grasshoppers ancora dopo i calci di rigore con errore decisivo di Pecci.

Al di fuori dell’Italia va però in scena una delle più avvincenti edizioni della Coppa Uefa con due squadre interpreti del calcio provinciale come l’Ipswich Town e l’AZ ’67 a giocarsi il trofeo in una finale stupenda. La formazione britannica centra il suo primo successo europeo (l’ottava affermazione inglese in Uefa) dopo che aveva conosciuto la fama all’inizio degli anni Sessanta quando, sotto la guida del grande Alf Ramsey, fu protagonista della clamorosa impresa di vincere il campionato del 1961-62 dopo aver vinto l’anno prima la Seconda divisione.

Scompaiono gli squadroni tedeschi che l’anno prima avevano monopolizzato le semifinali; solo il Colonia fra le prime quattro, tutte le altre non superano nemmeno gli ottavi. Nei primi tre turni del torneo l’Ipswich denota una pericolosa fragilità esterna compensata solo dal grande rendimento fra le mura amiche: tre vittorie in casa e tre sconfitte fuori, questo il bilancio. Nei quarti gli inglesi affrontano il Saint-Etienne con gara di andata in trasferta. I francesi vanno in vantaggio subito con Johnny Rep e a quel punto il loro ruolino nel torneo parla di 23 reti fatte e 0 subite. L’undici di Bobby Robson reagisce in modo veemente: Muhren prende in mano il pallino del gioco, Wark, il centrocampista offensivo che vincerà la classifica cannonieri con 14 reti, diventa imprendibile e in attacco Mariner si conferma bomber implacabile.

Platini e Wark in un momento del match tra Ipswich e Saint Etienne vinto dagli inglesi per 3-1

Platini e Wark in un momento del match tra Ipswich e Saint Etienne vinto dagli inglesi per 3-1

Una straordinaria prova di potenza offensiva per l’Ipswich che ribalta il risultato vincendo 4-1 e mette in cassaforte il passaggio alle semifinali dove se la vedrà con il Colonia. La partita a Portman Road regala una vittoria con il minimo scarto ai Blues, grazie a una rete di testa del solito Wark, mentre a Colonia è Butcher di testa su azione da corner a infilare il portiere tedesco e a regalare all’Ipswich la sua prima finale europea.

L’AZ, forte di un vantaggio notevole in campionato, si concentra esclusivamente sulla Uefa e passa in scioltezza l’ostacolo Sochaux, l’ultimo prima della finale. Gli olandesi vivono sulle giocate geniali di Peeters e sulla potenza di fuoco offensiva del trio Tol, Kist, Welzl. La sfida per la Coppa vede così di fronte due squadre che non badano molto ai tatticismi, due compagini votate al gioco d’attacco e allo spettacolo.

Si comincia in Inghilterra dove l’Ipswich parte a spron battuto prendendo in mano il comando delle operazioni. Al 28′ Wark scende centralmente e serve Mariner che batte il portiere Treytel ma non il libero Hovenkamp che intercetta con le mani sulla linea. Rigore magistrale di Wark e 1-0. Passano appena 47″ della ripresa e da una discesa di Gates scaturisce il secondo gol inglese. Il servizio per Thijssen al limite dell’area è perfetto, l’olandese spara, Treytel ribatte, ma Thijssen riprende nuovamente e insacca. Dopo dieci minuti Brazil scatta sulla sinistra e centra per Mariner che fa 3-0. L’Az è annichilito e non riesce a mettere in piedi alcuna reazione uscendo nettamente ridimensionato dal campo.

Gli olandesi scelgono di giocare ad Amsterdam il ritorno per far fronte alle enormi richieste di biglietti. Il 3-0 non condiziona il gioco, entrambe le squadre si sfidano a viso aperto e cercano la rete che l’Ipswich trova con Thijssen dopo 4′. Chi pensa che gli inglesi tirino i remi in barca dopo la marcatura si sbaglia di grosso. La loro impostazione non cambia e il primo tempo è un susseguirsi di emozioni. L’AZ attacca e va sul 2-1 con Welzl e Metgod, prima dello spledido 2-2 di Wark in mezza rovesciata. Tol di rapina riporta avanti l’AZ sul finire del primo tempo e Jonker fa 4-2 nella ripresa prima che i tantissimi tifosi inglesi liberino la loro gioia per il trionfo al fischio finale.

La rete dello scozzese Wark nel match di ritorno

La rete dello scozzese Wark nel match di ritorno


IL TABELLONE DELLA COPPA UEFA 1980/81

Trentaduesimi di Finale

Zbrojovska Brno – VOEST Linz 5-1 (3-1; 2-0)
Kaisersalutern – Anderlecht 3-3 (1-0; 2-3)
Magdeburgo – Moss 5-3 (2-1; 3-2)
Az Alkmaar – Red Boys Differdange 10-0 (6-0; 4-0)
Ballymena United – Vorwärts Francoforte 2-3 (2-1; 0-3)
Napredak Kruševac – Dinamo Dresda 0-2 (0-1; 0-1)
Argeş Piteşti – Utrecht 0-2 (0-0; 0-2)
Bohemians Praga – Sporting Gijón 4-3 (3-1; 1-2)
Dinamo Kiev – Levski Sofia 1-1 (1-1; 0-0)
Šachtar Donec’k – Eintracht Francoforte 1-3 (1-0; 0-3)
Servette – Sochaux 2-3 (0-2; 2-1)
Twente – IFK Göteborg 5-3 (5-1; 0-2)
Beroe Stara Zagora – Fenerbahçe 3-1 (1-0; 2-1)
Dundalk – Porto 0-1 (0-1; 0-0)
Grasshopper – KB 8-3 (3-1; 5-2)
Amburgo – Sarajevo 7-5 (4-2; 3-3)
Elfsborg – St. Mirren 1-2 (1-2; 0-0)
Ipswich Town – Aris 6-4 (5-1; 1-3)
IA – Colonia 0-10 (0-4; 0-6)
Juventus – Panathīnaïkos 6-4 (4-0; 2-4)
Dinamo Mosca – Lokeren 1-2 (1-1; 0-1)
KuPS – Saint-Étienne 0-14 (0-7; 0-7)
LASK Linz – Radnički 2-6 (1-2; 1-4)
Manchester United – Widzew Łódź 1-1 (1-1; 0-0)
Wolverhampton – PSV 2-3 (1-3; 1-0)
Torino – R.W.D. Molenbeek 4-3 (2-1; 2-2 dts)
Barcellona – Sliema Wanderers 3-0 (2-0; 1-0)
Standard Liegi – Steaua Bucureşti 3-2 (1-1; 2-1)
Újpest – Real Sociedad 1-2 (1-1; 0-1)
Vasas – Boavista 1-2 (0-2; 1-0)
Stoccarda – Pezoporikos Larnaca 10-1 (6-0; 4-1)
Slask Wroclaw – Dundee Utd 2-7 (0-0; 2-7)

Sedicesimi di Finale

Real Sociedad – Zbrojovska Brno 3-2 (1-1; 2-1)
Standard Liegi – Kaiserslautern 4-2 (2-1; 2-1)
Colonia – Barcellona 4-1 (0-1; 4-0)
Dundee United – Lokeren 1-1 (1-1; 0-0)
Eintracht Frankfurt – Utrecht 4-3 (1-2; 3-1)
Boavista – Sochaux 2-3 (2-2; 0-1)
Twente – Dinamo Dresda 1-1 (1-1; 0-0)
Ipswich Town – Bohemians Praga 3-2 (3-0; 0-2)
Beroe Stara Zagora – Radnički 1-3 (0-1; 1-2)
Levski Sofia – AZ Alkmaar 1-6 (1-1; 0-5)
Amburgo – PSV 3-2 (1-1; 2-1)
St. Mirren – Saint-Étienne 0-2 (0-0; 0-2)
Torino – Magdeburgo 3-2 (3-1; 0-1)
Stoccarda – Vorwärts Francoforte 7-2 (5-1; 2-1)
Widzew Łódź – Juventus 4-4 (4-1 dcr) (3-1; 1-3)
Grasshopper – KB 8–3 (3-1; 5-2)

Ottavi di Finale

Eintracht Frankfurt – Sochaux 4-4 (4-2; 0-2)
Grasshopper – Torino 3-3 (4-3 dcr) (2-1; 1-2)
Amburgo – Saint-Étienne 0-6 (0-5; 0-1)
Ipswich Town – Widzew Łódź 5-1 (5-0; 0-1)
Real Sociedad – Lokeren 2-3 (0-1; 2-2)
AZ Alkmaar – Radnički 7-2 (2-2; 5-0)
Standard Liegi – Dinamo Dresda 5-2 (1-1; 4-1)
Stoccarda – Colonia 4-5 (3-1; 1-4 dts)

Quarti di Finale

Ipswich Town – Saint-Étienne 7-2 (4-1; 3-1)
AZ Alkmaar – Lokeren 2-1 (2-0; 0-1)
Grasshopper – Sochaux 1-2 (0-0; 1-2)
Standard Liegi – Colonia 2-3 (0-0; 2-3)

Semifinali

AZ Alkmaar – Sochaux 4-3 (1-1; 3-2)
Ipswich Town – Colonia 2-0 (1-0; 1-0)

Finale

Gara di andata
6 maggio 1981 – Portman Road, Ipswich
IPSWICH TOWN – AZ ALKMAAR 3-0
Reti: 28′ rig. Wark, 46′ Thijssen, 56′ Mariner
Ipswich Town: Cooper; Mills, Osman, Butcher, McCall; Thijssen, Wark, A.Mühren; Mariner, Brazil, Gates
AZ Alkmaar: Treytel; Van der Meer, Metgod, Spelbos, Hovenkamp; Peters, Jonker, Arntz, Nygaard (Welzl); Kist, Tol
Arbitro: Adolf Prokop (Germania Est)
 
Gara di ritorno
20 maggio 1981 – Olympic Stadium, Amsterdam
AZ ALKMAAR – IPSWICH TOWN 4-2
Reti: 4′ Thijssen (I), 7′ Welzl (A), 25′ Metgod (A), 32′ Wark (I), 40′ Tol (A), 74′ Jonker (A)
AZ Alkmaar: Treytel; Reynders, Metgod, Spelbos, Hovenkamp; Peters, Jonker, Arntz, Nygaard; Welzl (Talan), Tol (Kist)
Ipswich Town: Cooper; Mills, Osman, Butcher, McCall; Thijssen, Wark, A.Mühren;
Mariner, Brazil, Gates
Arbitro: Walter Eschweiler (Germania Ovest)

CLASSIFICA MARCATORI

Giocatore Reti Squadra
John Wark 14 Ipswich
Kees Kist 9 AZ 67
Dieter Müller 8 Colonia
Horst Hrubesch 7 Amburgo
Karl Allgöwer 6 Stoccarda
Paul Mariner 6 Ipswich
Kees Tol 6 AZ 67