TRESOR Marius: il tesoro dell’isola

marius tresor francia 1

Originario della Guadalupa, approda poi in Francia, dove diventa il miglior libero dell’Esagono. Ajaccio, Marsiglia e Bordeaux le tappe di una brillante carriera cui sono mancati però i successi con la Nazionale

CUELLAR Leonardo: nel segno dello scorpione

Il fantasista messicano faceva subito impressione per l’appariscente chioma. Ma sotto c’erano talento e cervello. E lo ha dimostrato sia in campo che nella vita. «Tosatelo, tosatelo!». Era la tarda primavera del 1978 e la nazionale messicana era in tournée … Leggi tutto

HOFFMANN Martin: Al di là del muro

In tutti i successi internazionali del calcio della Germania Est c’è il contributo di questo attaccante, che in carriera ha vestito solo due maglie: quella del Magdeburgo e quella della nazionale targata DDR

FOULKE William: Body shaming

Facile prendere in giro uno dei portieri più corpulenti mai apparsi su un campo di calcio, ma un dato è innegabile: con lui tra i pali, lo Sheffield United divenne una squadra vincente. E quanti aneddoti…

GOMES Fernando: Bi-Bota

Il doppio vincitore della Scarpa d’oro è stato un formidabile cannoniere e ha legato i momenti migliori della carriera al Porto, con cui ha conquistato tutto.

ADEMIR Da Guia: Vai col lento

Figlio d’arte, dotato di tecnica ed eleganza fuori dal comune, il regista del Palmeiras che dominò la scena brasiliana a metà degli Anni 70, non era una freccia. Ma con la sua andatura compassata faceva girare a mille la squadra

ONNIS Delio: un italiano vero

Il bomber storico del campionato francese non era in possesso di una tecnica individuale sopraffina ma entrava sempre in campo con un’idea fissa: segnare. Delio Onnis? Uno che fa gol, casomai solo quelli ma tanti. Così per anni in Francia … Leggi tutto

STRÖMBERG Glenn: il vichingo

Possente centrocampista svedese con il vizio del gol, è stato uno degli stranieri più forti che abbiano mai vestito la maglia nerazzurra dell’Atalanta.

CZIBOR Zoltan: l’ala della libertà

Estro, rapidità e fantasia erano le qualità di questa imprevedibile estrema ungherese dalla vita tumultuosa. Un uomo e un calciatore generoso, che non si è mai risparmiato, in campo come fuori

BWALYA Kalusha: la leggenda di King Kalu

Personaggio unico, si impose all’attenzione generale con una tripletta all’Italia ai Giochi di Seul nel 1988. Poi i successi con il Psv e in Messico. Bandiera del calcio dello Zambia, in nazionale è stato allo stesso tempo Ct e attaccante … Leggi tutto

MAGNUSSON Roger: Ghiaccio bollente

Svedese tranquillo, in campo si scatenava con finte, dribbling e fughe inarrestabili che esaltavano la tifoseria. Passò per la Juventus senza poter giocare in campionato e si affermò a Marsiglia.

BATTEUX Albert: Inno alla gioia

Era il calcio di un anti-Mago, l’apostolo de “le Football en joie”. Al Reims e al Saint Etienne, con in mezzo il terzo posto della Francia a Svezia 58. Storia di un tecnico straordinario ma sottovalutato.