Coppa delle Coppe 1977/78: ANDERLECHT

La marcia belga travolge il walzer viennese

In un’altra stagione eccezionale l’Anderlecht che segna 21 gol subendone soltanto quattro e, alla sua terza finale consecutiva, vince ancora una volta il titolo. L’Austria Vienna nulla può contro i belgi nella finale del Parco dei Principi.

L’Anderlecht per arrivare a Parigi si prende la rivincita sull’Hamburger SV, che l’aveva sconfitto nella finale del 1977. Dopo aver vinto 2-1 in Germania, i belgi si devono accontentare di un sofferto 1-1 a Bruxelles. Nei quarti di finale eliminano il Porto, che nel turno precedente aveva rimontato a sorpresa il Manchester United per 6-5 (2-5 all’Old Trafford, clamoroso 4-0 in casa), ed in semifinale passeggiano contro il Twente che aveva avuto il calendario a favore.

Il percorso per la finale non è affatto una passeggiata per l’Austria Vienna. Nelle otto gare precedenti la gara di Parigi segna sette gol e ne subisce sei. Un gol in tre ore di sfida consente agli austriaci di eliminare il Cardiff City. Un 1-1 e la norma delle reti in trasferta sono sufficienti per superare il Lokomotiva Košice, due pareggi per 1-1 ed un 3-0 ai calci di rigore vogliono dire passaggio del turno contro l’Hajduk Spalato. La semifinale contro la Dinamo Mosca viene ancora decisa da un’emozionante lotteria dei calci di rigore che si conclude sul 5-4. Le due gare di andata e ritorno si erano concluse sul 2-1 per le squadre di casa.

L’Austria Vienna di Hermann Stessl conta sul regista Herbert Prohaska per compiere il miracolo in finale, ma l’Anderlecht è troppo superiore. Rob Rensenbrink e Arie Haan sono i pilastri della squadra di Raymond Goethals mentre Frank Vercauteren sta emergendo come nuova stella di centrocampo. In un primo tempo scintillante, Rensenbrink segna al 13′ ed al 44′. Van Binst va in rete al 45′ ed a otto minuti dal fischio finale e la gara si conclude con un netto 4-0 per i belgi.

anderlecht-austria-coppacoppe-1977-78-wp

Il Milan, di nuovo affidato a Liedholm dopo il disastroso campionato precedente, esce al primo turno contro i coriacei spagnoli del Betis Siviglia. L’andata vede i rossoneri soccombere 2-0 (reti di García Soriano ed Eulate e grandi parate di Albertosi) e a San Siro serve subito un miracolo per riblatare il risultato. Al 34′ Calloni fa velo su un cross di Morini e Tosetto appoggia in rete. Nella ripresa il pressing rossonero dà i suoi frutti al 59 quando Capello gira in rete un assist di Buriani. La prospettiva dei supplementari dura quatro minuti, quando López indovina un tiro che trova Albertosi impreparato facendo sfumare il cammino in Coppa del Milan.

IL TABELLONE DELLA COPPA DELLE COPPE 1977/78

Turno preliminare
Sedicesimi di finale
Ottavi di finale
Quarti di finale
Semifinali
FINALE