Coppa UEFA 1974/75: BORUSSIA M’GLADBACH

borussia-uefa-74-75-wp

La prima volta di Vogts, Simonsen e soci


Uscita da trionfatrice dal Mondiale di casa, la Germania Ovest fa la voce grossa anche nelle competizioni europee per club imponendosi con il Bayern Monaco in Coppa dei Campioni e con il Borussia Mònchengladbach in Coppa Uefa.

Quello della formazione allenata da Hermes Weisweiler è tra l’altro il primo sigillo tedesco nella storia di Coppa delle Fiere e Uefa. Già nell’edizione 1972-73 il Borussia andò vicinissimo all’impresa giungendo sino alla finale, dove mancò di un soffio la rimonta sul Liverpool. In questa occasione, con un organico abbastanza simile a quello di due anni prima, impreziosito dalla presenza del fuoriclasse danese Allan Simonsen e del promettente giovane Uli Stielike, il Borussia entra finalmente a far parte del gotha calcistico europeo con pieno merito.

Ottimo il lavoro svolto da Weisweiler in panchina: l’allievo di Sepp Herberger, nonché insegnante alla scuola di sport di Colonia, autore di libri, commentatore televisivo e produttore cinematografico, è riuscito in undici anni a riportare la squadra in prima divisione, a regalarle due titoli nazionali più un terzo che arriverà in concomitanza con la Coppa Uefa, il primo trionfo europeo del club.

Dopo un primo turno insidioso contro l’Admira Wacker, che in Austria si porta a casa la partita per 2-1, il Borussia affronta con grande personalità e sicurezza tutte le avversarie che si ritrova sulla strada che porta alla finale, incamerando nove vittorie consecutive. I tedeschi avevano perso Gunther Netzer, passato al Real Madrid, ma la defezione non risultò grave, visto che ovunque gli uomini di Weisweiler imponevano il proprio gioco offensivo con un Heynckes devastante cannoniere (alla fine sarà il marcatore principe del torneo con 11 reti) e con la coppia danese formata dallo sgusciale Simonsen e dal potente Jensen a completare il trio d’attacco.

A giocarsi la Coppa Uefa con il Borussia giunge in finale il sorprendente Twente, piccolo club olandese che manderà così in onda una sorta di ripetizione della finale Mondiale dell’anno prima.
Il Twente non aveva grandi individualità, la sua forza erano il collettivo e la coesione di un gruppo capace sia negli ottavi di finale che nei quarti di recuperare situazioni piuttosto complicate.

Semifinale di andata tra Twente e Juventus. Jan Jeuring realizza la rete dell'1-0

Semifinale di andata tra Twente e Juventus. Jan Jeuring realizza la rete dell’1-0

In semifinale, invece, gli olandesi affrontano la Juventus, ultima superstite di un calcio italiano che al terzo turno aveva già smarrito tutte le altre concorrenti. A Enschede i bianconeri si fanno totalmente sorprendere dalla formazione olandese, che mette in mostra un gioco collettivo di grande spessore con un centrocampo ermetico e infaticabile, capace di spegnere sul nascere ogni velleità italiana. Il mattatore della sfida è il giovane tornante Zuidema, che mette a ferro e fuoco la retroguardia bianconera segnando due reti. Sull’unica disattenzione olandese, Altafini regala il gol della speranza juventina. Vana, perché a Torino dopo soli dieci minuti ancora Zuidema supera Zoff e mette in ghiaccio la qualificazione alla finale.

Il Borussia è l’ovvio favorito, ma nel match di andata deve fare a meno di Heynckes infortunato.
A Dusseldorf il Twente tiene botta, mentre i tedeschi attaccano in modo caotico e senza un filo logico. Termina 0-0 e il sogno olandese prende corpo. Nel match di ritorno il Twente subisce però da subito la reazione tedesca. Dopo nove minuti il tabellone segna 2-0 per il Borussia con reti di Simonsen e Heynckes, recuperato in extremis. Nel primo quarto d’ora della ripresa, Heynckes sigla la tripletta personale e nel finale Simonsen arrotonda su rigore dopo il gol della bandiera del libero Drost.

Finale di ritorno: il Borussia demolisce il Twente con cinque reti di cui tre di Heynckes

Finale di ritorno: il Borussia demolisce il Twente con cinque reti di cui tre di Heynckes


IL TABELLONE DELLA COPPA UEFA 1974/75

Trentaduesimi di Finale

Lione – Red Boys 11-1 (7-0; 4-1)
Valur – Portadown 1-2 (0-0; 1-2)
Derby – Servette 6-2 (4-1; 2-1)
Ipswich – Twente 3-3 (2-2; 1-1)
Stoke City – Ajax 1-1 (1-1; 0-0)
Molenbeek – Dundee 5-2 (1-0; 4-2)
Rosenborg – Hibernian 3-12 (2-3; 1-9)
Porto – Wolverhampton 5-4 (4-1; 1-3)
FK Etar – Inter 0-3 (0-0; 0-3)
Gornik Zabrze – Partizan 2-5 (2-2; 0-3)
Start – Djurgården 1-7 (1-2; 0-5)
Boluspor – Dinamo Bucarest 0-4 (0-1; 0-3)
Spartak Mosca – Velež 3-3 (3-1; 0-2)
Beşiktaş – Steagul Roșu Brașov 2-3 (2-0; 0-3)
FC Wacker Innsbruck – Borussia M. 2-4 (2-1; 0-3)
Sturm Graz – Anversa 2-2 (2-1; 0-1)
Randers Freja – Dinamo Dresda 1-1 (1-1; 0-0)
Amburgo – Bohemian 4-0 (3-0; 1-0)
Rapid Vienna – Aris 3-2 (3-1; 0-1)
Real Sociedad – Baník Ostrava 0-5 (0-1; 0-4)
Lokomotiv Plovdiv – Raba ETO 4-4 (3-1; 1-3 (4-5 dcr))
Öster – Dinamo Mosca 4-4 (3-2; 1-2)
Nantes – Legia Varsavia 3-2 (2-2; 1-0)
Napoli – Videoton 3-1 (2-0; 1-1)
Vorwärts – Juventus 2-4 (2-1; 0-3)
Grasshoppers – Panathīnaïkos 3-2 (2-0; 1-2)
Torino – Fortuna Düsseldorf 2-4 (1-1; 1-3)
Colonia – KPV 9-2 (5-1; 4-1)
Amsterdam – Hibernians 12-0 (5-0; 7-0)
KB – Atletico Madrid 3-6 (3-2; 0-4)
Vitória – Saragozza 1-5 (1-1; 0-4)
Dukla Praga – Pezoporikos 0-0 (abbandono)

Sedicesimi di Finale

Derby County – Atlético Madrid 4-4 (2-2; 2-2 (7-6 dcr))
Hibernian – Juventus 2-8 (2-4; 0-4)
Partizan – Portadown 6-1 (5-0; 1-1)
Nantes – Baník Ostrava 1-2 (1-0; 0-2 dts)
Dinamo Bucarest – Colonia 3-4 (1-1; 2-3)
Raba ETO Győr – Fortuna Düsseldorf 2-3 (2-0; 0-3)
Rapid Vienna – Velež 1-3 (1-2; 0-1)
Dinamo Dresda – Dinamo Mosca 1-1 (1-0; 0-1 (4-3 dcr))
Grasshoppers – Real Zaragoza 2-6 (2-1; 0-5)
Borussia M’gladbach – Lione 6-2 (1-0; 5-2)
Amburgo – Steagul Roșu Brașov 10-1 (8-0; 2-1)
Twente – RWD Molenbeek 3-1 (2-1; 1-0)
Djurgården – Dukla Praga 1-5 (0-2; 1-3)
Inter – FC Amsterdam 1-2 (1-2; 0-0)
Napoli – Porto 2-0 (1-0; 1-0)
Ajax – Anversa 2-2 (1-0; 1-2)

Ottavi di Finale

Napoli – Baník Ostrava 1-3 (0-2; 1-1)
Amburgo – Dinamo Dresda 6-3 (4-1; 2-2)
Dukla Praga – Twente 3-6 (3-1; 0-5)
Partizan – Colonia 2-5 (1-0; 1-5)
Borussia M’gladbach – Real Zaragoza 9-2 (5-0; 4-2)
FC Amsterdam – Fortuna Düsseldorf 5-1 (3-0; 2-1)
Juventus – Ajax 2-2 (1-0; 1-2)
Derby County – Velež 4-5 (3-1; 1-4)

Quarti di Finale

Juventus – Amburgo 2-0 (2-0; 0-0)
Colonia – FC Amsterdam 8-3 (5-1; 3-2)
Velež – Twente 1-2 (1-0; 0-2)
Baník Ostrava – Borussia M’gladbach 1-4 (0-1; 1-3)

Semifinale

Twente – Juventus 4-1 (3-1; 1-0)
Colonia – Borussia M’gladbach 1-4 (1-3; 0-1)

Finale

Gara di andata
7 maggio 1975 – Rheinstadion, Dusseldorf
BORUSSIA MONCHENGLADBACH – TWENTE 0-0
Reti: –
Borussia Monchengladbach: Kleff; Wittkamp, Stielike, Vogts, Surau; Bonhof, Wimmer, Danner (Del’Haye), Kulik (Schaffer); Simonsen, Jensen
FC Twente Enschede: Gross; Drost, Van Ierssel, Overweg, Oranen; Thijssen, Pahlplatz, Van der Vall, Bos; Jeuring (Achterberg), Zuidema
Arbitro: Károly Palotai (Ungheria)
 
Gara di ritorno
21 maggio 1975 – Diekman, Enschede
TWENTE – BORUSSIA MONCHENGLADBACH 1-5
Reti: 2′ Simonsen (B), 9′ Heynckes (B), 50′ Heynckes (B), 60′ Heynckes (B)76′ Drost (T), 86′ Simonsen (B)
FC Twente Enschede: Gross; Drost, Van Ierssel, Overweg, Oranen, Bos (Muhren), Thijssen, Pahlplatz (Achterberg), Van der Vall, Jeuring, Zuidema
Borussia Monchengladbach: Kleff; Wittkamp, Vogts, Surau (Schaffer), Klinkhammer; Bonhof, Wimmer (Koppel), Danner; Simonsen, Hensen, Heynckes
Arbitro: Paul Schiller (Austria)

CLASSIFICA MARCATORI

Giocatore Reti Squadra
Jupp Heynckes 11 Mönchengladbach
Allan Simonsen 10 Mönchengladbach
Nico Jansen 9 Amsterdam
Johan Zuidema 9 Twente
Dieter Müller 8 Colonia
José Altafini 5 Juventus
Kevin Hector 5 Derby
Georg Volkert 5 Amburgo
Theo Husers 5 Amsterdam
Johannes Löhr 5 Colonia