Coppa delle Coppe 1988/89: BARCELLONA

barcellona-coppacoppe-1988-89-wp

La Sampdoria lascia la gloria ai catalani

Johan Cruyff vince il suo secondo trofeo in tre stagioni e il Barcelona diventa il primo club a conquistare la Coppa delle Coppe per tre volte. Pur potendo contare su fuoriclasse come Gary Lineker e Julio Salinas in attacco, i catalani arrivano in finale non senza difficoltà, superando i mediocri polacchi del Lech Poznán per 5-4 ai calci di rigore dopo aver pareggiato 1-1 sia all’andata che al ritorno. Nei quarti di finale contro l’AGF Århus i blaugrana riescono a segnare appena un gol in 180 minuti. In semifinale i catalani non deludono, però, e si impongono sul CFKA Sredets Sofia con il risultato complessivo di 6-3 con un certo Hristo Stoitchkov che segna le tre reti dei bulgari.

Ad affrontare il Barcellona nella finale di Berna c’è la Sampdoria, allenata dal vecchio marpione Vujadin Boskov e con in attacco la coppia d’oro composta da Gianluca Vialli e Roberto Mancini.L’avventura doriana inizia a Norrköping con un’imprevista sconfitta: all’86’ Jan Hellström decreta la vittoreia per gli svedesi dopo il pari di Carboni al 50′. A Genova regolare 2-0 con reti di Salsano e Vialli. Ottavi di finale in terra tedesco-orientale, a Jena, contro il temibile Carl Zeiss. Vialli deve rimediare con un rigore all’83’ lo svantaggio iniziale di Weber, e nel ritorno un rotondo 3-1 (Vierchowod, Cerezo e Vialli) traghetta i doriano ai quarti.

La Dinamo Bucarest è un avversario impegnativo. L’inizio del match in Romania è da incubo: al 9′ Carboni viene espulso per un brutto e inutile fallo e al 16′ lo stesso arbitro concede un rigore per trattenuta di Vierchowod su Mateut. Vaiscovici trasforma. Ma non è finita perché al 18′ Mannini si infortuna, sostituito da Lanna, rendendo il resto del match un autentico fortino doriano per limitare i danni. Al 89′ però Vialli trova un insperato spunto in attacco raggiungendo un pareggio che vale oro. A Marassi infatti ad una Sampdoria priva di Vialli squalificato e con Mancini a mezzo servizio basterà uno scialbo 0-0 per raggiungere le semifinali.

Avversari sono i campioni uscenti del KV Mechelen che in Belgio passano con Ohana e Deferm. Il solito Vialli segnerà al 74′ rendendo meno pesante il passivo. La gara di ritorno resta bloccata sullo 0-0, che qualifica i belgi, fino a 19 minuti dalla fine. La Sampdoria stenta a trovare il bandolo della matassa ma al 71′ un rapidissimo scambio Mancini-Cerezo permette al brasiliano di battere Preud’homme con un potente rasoterra. E’ la rete che garantisce la finale, e il KV Mechelen cede di schianto. Prima Dossena e poi Salsano infilano la difesa belga come burro per il 3-0 finale.

Finale amarissima. A Berna la Sampdoria ha molti infortunati (su tutti Vierchowod e Carboni) e già al 4′ minuto è alle corde e Salinas la castiga: 1-0. Il Barcellona gioca al gatto con il topo per il resto del match, che resta comunque aperto fino a undici minuti dal fischio finale, quando il terzino Luís López Rekarte segna il raddoppio per i catalani.

barcellona-sampdoria-coppacoppe-1988-89-wp

I capitani Alexanko e Pellegrini

barcellona-coppacoppe1-1988-89-wp

IL TABELLONE DELLA COPPA DELLE COPPE 1988/89

Turno preliminare

Bekescsabai – Bryne 4-2 (3-0; 1-2)

Sedicesimi di finale

Derry City – Cardiff City 0-4 (0-0; 0-4)
Glenavon – Aarhus 2-7 (1-4; 1-3)
Fram Reykjavik – Barcellona 0-7 (0-2; 0-5)
Flamurtari – Lech Poznan 2-4 (2-3; 0-1)
Inter Bratislava – CSKA Sofia 2-8 (2-3; 0-5)
Omonia – Panathinaikos 0-3 (0-1; 0-2)
Roda Kerkrade – Vitoria Setubal 2-1 (2-0; 0-1)
Borac Banja Luka – Metalist Kharkov 2-4 (2-0; 0-4)
Grasshopper – Eintracht Francoforte 0-1 (0-0; 0-1)
Sakaryaspor – Bekescsabai 2-1 (2-0; 0-1)
Mechelen – Avenir Beggen 8-1 (5-0; 3-1)
Metz – Anderlecht 1-5 (1-3; 0-2)
Floriana – Dundee 0-1 (0-0; 0-1)
Dinamo Bucarest – Kuusysi Lahti 6-0 (3-0; 3-0)
Carl Zeiss Jena – Kremser 5-1 (5-0; 0-1)
Norrköping – Sampdoria 2-3 (2-1; 0-2)

Ottavi di finale

Cardiff City – Aarhus 1-6 (1-2; 0-4)
Barcellona – Lech Poznan 2-2 (1-1; 1-1 (5-4 dcr))
CSKA Sofia – Panathinaikos 3-0 (2-0; 1-0)
Roda Kerkrade – Metalist Kharkov 1-0 (1-0; 0-0)
Eintracht Francoforte – Sakaryaspor 6-1 (3-1; 3-0)
Mechelen – Anderlecht 3-0 (1-0; 2-0)
Dundee – Dinamo Bucarest 1-2 (0-1; 1-1)
Carl Zeiss Jena – Sampdoria 2-4 (1-1; 1-3)

Quarti di finale

Aarhus – Barcellona 0-1 (0-1; 0-0)
CSKA Sofia – Roda Kerkrade 3-3 (2-1; 1-2 (4-3 dcr))
Eintracht Francoforte – Mechelen 0-1 (0-0; 0-1)
Dinamo Bucarest – Sampdoria 1-1 (1-1; 0-0)

Semifinali

Barcellona – CSKA Sofia 6-3 (4-2; 2-1)
Mechelen – Sampdoria 2-4 (2-1; 0-3)

FINALE

10 maggio 1989 – Wankdorf Stadium, Berna
Barcellona – Sampdoria 2-0
Barcellona: Zubizarreta; Aliosio, Alesanco, Urbano; Milla (Soler 61), Amor, Eusebio, Roberto; Lineker, Salinas, Bequiristain (Recarte 74)
Sampdoria: Pagliuca; L.Pelligrini (Bonomi 49), Mannini (S.Pellegrini 27), Lanna, Salsano; Pari, Victor, Cerezo, Dossena; Vialli, Mancini
Arbitro: George Courtney (Inghilterra)
Reti: 4′ 1-0: Salinas; 79′ 2-0: Rekarte
VINCITORE: BARCELLONA